Cultura
Commenta

Cremona com'era, la fotografia dei
Betri raccontata da Caccialanza

Verrà presentato domani mercoledì 6 aprile 2022 alle 16.30 nella Sala Conferenze della Biblioteca Statale, il libro “I Betri fotografi di Cremona. Le biografie definitive”. Interverranno la direttrice della Biblioteca Statale di Cremona, Raffaella Barbierato, la storica dell’arte Mariella Morandi è l’autore Roberto Caccialanza.

Quello sui Betri è il volume n. 7 della serie internazionale “Storie di fotografi” curata da Caccialanza, con il patrocinio della ESHPh – European Society for the History of Photography, una delle due Istituzioni più importanti al mondo per lo studio della storia e della tecnica fotografica.

Ulteriori ricerche seguite alla pubblicazione della monografia “Fotografi a Cremona fra l’Ottocento e il Novecento” (Fantigrafica 2010) hanno portato a trovare una notevole quantità di documenti, fotografie e informazioni inediti sul lavoro pluridecennale dei professionisti cremonesi, tanto da giustificare la realizzazione di questo nuovo studio esaustivo e conclusivo sulla vita e sull’attività di Aurelio, Giuseppe e Pirro Betri.

Il volume “I Betri fotografi di Cremona” è composto di 192 pagine a colori, il più corposo fra quelli sino ad ora usciti della serie “Storie di fotografi”. Ad un breve excursus sulla storia della fotografia a Cremona prima che Aurelio Betri iniziasse la sua carriera (1865) seguono i tre distinti testi biografici su Aurelio, Pirro e Giuseppe Betri, intervallati da 129 immagini, alcune delle quali assolutamente inedite che mostrano la città, i suoi monumenti, oggetti e opere d’arte, oltre a ritratti eseguiti negli stabilimenti “Bertarelli e Maruti”, “Aurelio Betri”, “Aurelio Betri e figlio”, e “Giuseppe Betri”.

I materiali documentari e fotografici più interessanti provengono dalle collezioni dell’Archivio di Stato, della Biblioteca Statale, del Museo Civico “Ala Ponzone”, da altre Istituzioni non cremonesi e da collezionisti privati (inclusa la raccolta Caccialanza).

Spiccano le eccezionali riproduzioni fotografiche del pizzo che si crede appartenuto “alla culla del Re di Roma” (1875 ca.), dell’affresco quattrocentesco scoperto nel 1875 nel “fabbricato ex Carceri”, del disegno di un trittico reliquiario in tre spartiti realizzato da Bartolomeo e Jacopino da Reggio (1878-1880 ca.); vi sono, poi, un inconsueto ritratto di bambini rachitici dell’asilo di “via Bassa” (via Ruggero Manna, 1878-1879 ca.), le vedute dell’interno della chiesa di S. Pietro (1889) e dei lavori di costruzione del Politeama “Verdi” (1897).

Il libro contiene altre fotografie straordinarie e assolutamente inedite non prodotte dai Betri: la Piazza del Duomo addobbata a festa in occasione della visita del re Vittorio Emanuele II (20 settembre 1859, la veduta più antica di Cremona sino ad oggi conosciuta); uno scorcio del palazzo situato all’angolo fra Corso Vittorio Emanuele II e via Ettore Sacchi (1860 ca.); gli ospiti in costume settecentesco che parteciparono alla festa da ballo svoltasi nel salone ottagonale di Palazzo Cattaneo in via Oscasali nel Carnevale 1885.

Prenotazioni: https://biblio.prenotime.it/

Ingresso con mascherina FFP2

© Riproduzione riservata
Commenti