Cronaca
Commenta

Una produzione internazionale per
il nuovo docufilm su Stradivari

Verrà girato fra Venezia, Parigi e New York, ma il cuore delle riprese sarà naturalmente a Cremona che nei prossimi mesi si trasformerà in un set cinematografico: è il docufilm diretto da Peter Rebeiz e dedicato ad Antonio Stradivari, una produzione internazionale basata sulla biografia del liutaio recentemente pubblicata da Alessandra Barabaschi, storica dell’arte specializzata negli strumenti del Maestro.

Il lungometraggio si concentra in particolare su due viole: la più antica, la ‘Mahler’, e l’ultima viola costruita nella bottega di Stradivari, la ‘Gibson’. Ispirandosi quindi al libro “Stradivari. La storia di una leggenda”, il docufilm mostrerà i luoghi della città del torrazzo legati al Maestro, coinvolgendo istituzioni culturali e liutai. Collaborano al progetto anche due musicisti di spicco: Antoine Tamestit, che suona da tempo la viola ‘Mahler’ e Walter Küssner, da trent’anni violista della Filarmonica di Berlino. Il docufilm verrà presentato in anteprima mondiale nell’autunno 2024 alla Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti a Washington.

Federica Priori

© Riproduzione riservata
Commenti