Cultura
Commenta

Premiati i migliori loghi Einaudi
per l'associazione Macusè

Presso la sede Avis di via Massarotti, sono stati premiati gli allievi dell’indirizzo Tecnico grafico dell’IIS “L. Einaudi”, che hanno realizzato i migliori loghi per “Macusé APS” (con sede in via Tonani 9). I primi classificati sono Agata Puglisi di quinta B, Giulia Bonifacio di quarta B ed Alexandra Fiorella Istrate e Mario Pane di quarta A. I quattro vincitori hanno ricevuto un albero a distanza da “Environomica” (partner del progetto) ed un biglietto per il prossimo evento, mentre la biblioteca scolastica si è arricchita di libri di design. “Macusé” significa “Ma cos’è?”, che è la domanda con cui un bambino si interroga, quando esplora e scopre la realtà che lo circonda. Si tratta di un’associazione di promozione sociale, sorta all’interno di “TEDxCremona”, l’organizzazione no profit, nata in California e di recente approdata nella nostra città, per merito, fra gli altri, di Elisabetta Zorza, insegnante “Einaudi” attualmente in maternità.

 

L’obiettivo è diffondere e condividere idee significative (Ideas Worth Spreading) e rafforzare la cultura locale, attraverso laboratori, manifestazioni e le scuole. Ad applaudire i 72 ragazzi che hanno partecipato al concorso interno all’istituto, c’erano la preside Nicoletta Ferrari, la referente Michela Balzarini ed i docenti delle materie professionalizzanti (Vittoria Attianese, Veronica Orlando, Tito Magri, Elisabetta Perticari, Stefania Antonioli, Gloria Cisotto) accompagnati dai colleghi di sostegno delle classi interessate dall’iniziativa (Nadia Tavani, Erika Alberti, Annarita Aliberti ed Annalisa Criscione). Il presidente Andrea Mattioli ha rivendicato la scelta di rivolgersi agli studenti per valorizzare e stimolare la loro creatività, mentre Michela Balzarini ha dichiarato che l’esperienza, ruotata intorno ad un’attività concreta, ha suscitato grande entusiasmo negli alunni, li ha motivati nella prosecuzione dell’indirizzo di studi ed ha fornito loro un saggio di ciò che li attenderà dopo il diploma

© Riproduzione riservata
Commenti