Spettacolo
Commenta

Applausi e ritmo a CremonaJazz
con Sarah McKenzie

Dopo l’inaugurazione con le sonorità brasiliane di Ivan Lins, prosegue la settima edizione di “CremonaJazz”, rassegna di respiro internazionale promossa da Unomedia e Museo del Violino che ha portato nell’Auditorium Arvedi di Cremona la brillante cantante, pianista e compositrice di origini australiane Sarah McKenzie in quartetto con Hugo Lippi alla chitarra, Pierre Boussaguet al contrabbasso e Sebastiaan de Krom alla batteria. 

L’alchimia nel gruppo è risultata da subito evidente, con improvvisazioni inserite fra i brani che hanno entusiasmato il pubblico. Ritmo ed energia, ma anche poesia ed intimismo, per un concerto eterogeneo dove è spiccata la raffinata voce dell’artista. In scaletta i brani dell’album “Secrets of My Heart” inciso a New York intrecciando jazz e bossa nova, disco che ripercorre gli albori della carriera musicale di McKenzie, trascorsi lontano dalla famiglia con diversi interrogativi. Poi i titoli iconici come “Paris in the rain” e ancora pezzi strumentali caratterizzati dagli assoli dei musicisti.

McKenzie ha salutato i fan con un accenno d’italiano e diversi sorrisi, sottolineando la sorpresa di esibirsi in una sala dove il pubblico avvolge gli artisti.

Il concerto sarà trasmesso integralmente da Cremona1 domenica sera alle 20.55.

Federica Priori

© Riproduzione riservata
Commenti