Cronaca
Commenta

Cattolici cremonesi e resistenza
Convegno organizzato da Cisl e ANPC

Ripercorrere l’azione e i valori dei cattolici cremonesi nella resistenza: ecco il tema del convegno promosso al Centro Pastorale Diocesano da CISL Asse del Po e Associazione Nazionale Partigiani Cristiani di Cremona, dibattito coordinato dal professor Angelo Rescaglio -Presidente dell’Associazione- che insieme a Dino Perboni, Segretario Generale UST-CISL Asse del Po, ha sottolineato la necessità di “fare memoria”.

Il Vescovo di Cremona, mons. Antonio Napolioni, ha invitato il pubblico a cogliere la drammatica attualità del tema resistenza e la visione cristiana dell’impegno per la giustizia, la pace e la liberazione. Il professor Franco Verdi, Vicepresidente dell’Associazione Nazionale Partigiani Cristiani di Cremona, ha quindi illustrato le due polarità: da un lato i cattolici intesi come popolo di Dio e dall’altro la resistenza culmine di un lungo processo storico. “Cattolici e resistenza non sono due realtà separate – ha spiegato Verdi – ma in qualche modo il cattolico è sempre resistente, contro il male, la violenza e la sopraffazione”.

Federica Priori

© Riproduzione riservata
Commenti