Cronaca
Commenta

Verifiche sulle armi da fuoco,
quattro persone denunciate

Quattro denunce all’Autorità Giudiziaria, 9 armi e circa 260 munizioni sequestrate: questo il bilancio dell’attività di controllo messa in campo negli ultimi giorni dai Carabinieri della provincia di Cremona.

I militari si sono recati nelle abitazioni private dei detentori e hanno proceduto con le verifiche della regolarità della documentazione presentata, della rispondenza delle modalità di detenzione alle disposizioni di sicurezza in materia di custodia delle armi e munizioni, della conformità delle armi detenute a quelle indicate nelle denunce di possesso a vario titolo (caccia, sport, semplice detenzione), eventuali controindicazioni oggettive di sorta subentrate e, in particolare, la disponibilità di un certificato medico rilasciato da non oltre 5 anni attestante il possesso dei complessivi requisiti psicofisici soggettivi.

Nello specifico i Carabinieri di Scandolara Ravara hanno denunciato tre persone per omessa custodia di armi e omessa denuncia di munizioni. Nel primo caso i militari hanno accertato che l’uomo deteneva due armi in un ripostiglio senza osservare le minime norme di sicurezza relative alla detenzione ed era in possesso di circa 50 cartucce che aveva omesso di denunciare.

Nel secondo caso una persona aveva un fucile senza averne mai denunciato il possesso e aveva quattro fucili e rivoltelle denunciate in una località diversa da quella di detenzione. Nel terzo caso una persona è stata trovata in possesso di circa 180 munizioni senza averne denunciato il possesso. Tutte le armi e le munizioni sono state sequestrate.

I Carabinieri della Sezione Radiomobile di Cremona hanno invece denunciato un uomo per omessa custodia e detenzione abusiva di armi. Nel controllo nella sua abitazione i militari hanno trovato infatti due pistole che aveva denunciato molto tempo prima, ma lui era in possesso di un porto d’armi scaduto non aveva neppure il certificato medico in corso di validità. Inoltre, custodiva le armi all’interno di alcuni cassetti di mobili senza rispettare le norme minime di sicurezza ed era in possesso di circa 30 munizioni di cui non aveva denunciato il possesso. Per i quattro è quindi scattata la denuncia all’Autorità Giudiziaria.

I controlli si inquadrano in un più ampio giro di vite in materia di Armi deciso in sinergia con la Questura che, come Autorità di PS, detiene i poteri amministrativi sulla concessione dell’autorizzazione alla detenzione delle armi da fuoco evitando abusi o anche solo involontarie omissioni o trascuratezze.

© Riproduzione riservata
Commenti