Cronaca
Commenta

Congresso Siulp: "Siamo qui
per rimetterci in discussione"

Fotoservizio Francesco Sessa

“Nei diritti dei poliziotti, la sicurezza dei cittadini”: un titolo che diventa emblema del nono congresso provinciale del Siulp cremonese. All’Hotel Continental, un venerdì di riflessione ed elezione degli organismi del Sindacato italiano unitario dei lavoratori della Polizia.

In mattinata l’apertura con la relazione del segretario generale provinciale uscente e ricandidato Nicola Ghisolfi: “Il sindacato deve inseguire la meritocrazia e la professionalità, basi della tutela del lavoratore. Con questo congresso si parla del sindacalismo nella forma di solidarietà collettiva che i poliziotti si sono dati da 41 anni per la difesa e il miglioramento delle proprie condizioni. Oggi siamo qui con il coraggio di rimetterci in discussione e io e miei amici della segreteria provinciale vogliamo riproporci nell’inseguimento dei valori Siulp per questa provincia, in cui crediamo ciecamente”.

Un discorso alla presenza delle autorità: il prefetto Corrado Conforto Galli, il questore Michele Davide Sinigaglia, il dirigente anticrimine della questura di Cremona Giovanni Meuli, la comandante della polizia Stradale Federica Deledda, il vicario del questore Corrado Mattana. Per il comune di Cremona, presente l’assessore Barbara Manfredini. In prima fila anche i deputati Silvana Comaroli e Luciano Pizzetti. A moderare gli interventi del congresso, il direttore di Cremona1 e Cremonaoggi Guido Lombardi.

Sul tavolo, approfonditi anche dal segretario nazionale Siulp Silvano Filippi e quello regionale Alessandro Stefanì, i temi legati alla tutela dei diritti dei poliziotti, presupposto fondamentale per garantire la sicurezza degli agenti, del loro lavoro e quindi dei cittadini.

Nicola Ghisolfi è quindi stato riconfermato alla guida del sindacato, oltre che delegato nazionale e regionale. La segreteria è po completata da Marco Mennella (delegato regionale), Franco Disingrini, Fabio Ruffini, Roberto Filippini e Giuseppe Mezzapesa.

Simone Arrighi

© Riproduzione riservata
Commenti