Cronaca
Commenta

M5s: "Un pasticcio, non un'autostrada
Aria e Stradivaria in Commissione"

“Avrebbe dovuto essere un’autostrada, ma si sta trasformando in un pasticcio con 0 km prodotti in oltre 20 anni. La Cremona – Mantova si trova ormai in una condizione di stallo e di incertezze sempre maggiori. A pagarne le spese ( per ora 25 milioni di euro a cui si sommano gli oltre 100 milioni accantonati per la realizzazione ndr) non possono essere certo i cittadini”. A dirlo sono Marco Degli Angeli e Andrea Fiasconaro, consiglieri del Movimento 5 stele di Regione Lombardia, i quali hanno inoltrato al presidente della commissione V “Territorio e Infrastrutture”, una richiesta di audizione alla presenza di Aria Spa (azienda regionale per l’innovazione e gli acquisti) e Stradivaria Spa, la società concessionaria del progetto. Obiettivo, fare chiarezza sull’impasse che si sta delineando.

Spiegano i consiglieri: “Dopo aver chiesto congrue informazioni all’assessore ai trasporti e Infrastrutture mediante una nostra interrogazione, mediante la risposta arrivata il 13 maggio abbiamo appreso come Stradivariaabbia presentato al TAR della Lombardia ricorso per l’annullamento della legge che stabilisce le disposizioni per l’acquisizione del progetto preliminare e definitivo dell’autostrada in questione. Se il Tar dovesse accettare il ricorso, a questo punto che fine faranno i soldi messi a bilancio da Regione per l’acquisto del progetto e soprattutto, a chi andrà in carico? Con quali soldi e in quali tempi poi Regione pensa di ultimare l’autostrada?”.

Aggiunge Degli Angeli: “Si tratta di un duro colpo per il futuro del progetto autostradale, al netto della retorica usata da alcuni politici, tra cui l’onorevole Pizzetti”. Nessuna recriminazione, quella dei consiglieri, ma una pressa d’atto rispetto alle criticità emerse finora”. “Per questo – concludono i consiglieri pentastellati – motivo abbiamo voluto chiedere audizione al presidente della commissione V, Trasporti e Infrastrutture. Il nostro obiettivo è ottenere chiarezza sull’impasse che si è creata. Per questo motivo ci aspettiamo una solerte risposta, nella speranza che in commissione ogni cosa possa essere chiarita nel migliore dei modi”.

© Riproduzione riservata
Commenti