Cronaca
Commenta

Minori scomparsi, sensibilizzare per
prevenire: Questura in prima linea

Sensibilizzare sul tema dei minori scomparsi, cercando di essere presenti proprio tra loro: questo lo scopo dell’iniziativa promossa dalla Questura di Cremona nell’ambito della Giornata internazionale dei bambini scomparsi. Per questo in mattinata è stato allestito un gazebo informativo e distribuzione di materiale proprio davanti alla stazione di Cremona, zona di grande transito per gli studenti che escono da scuola.

Nei volantini e nei segnalibri distribuiti ai giovanissimi, alcune utili notizie sugli Uffici ed i numeri da contattare, ma soprattutto consigli e raccomandazioni indirizzate a chi, giovane o adulto, vive situazioni di disagio o incertezza familiare ed affettiva tanto da volersene allontanare.

Le informazioni riguardano anche i fenomeni del cyberbullismo e del bullismo, sempre più diffusi tra le giovani generazioni, ma anche episodi di  stalking e violenza di genere, che spesso sono cause determinanti dell’allontanamento volontario dall’ambiente domestico per molti ragazzini.

D’altro canto i dati non sono rassicuranti: sono 55 i minorenni scomparsi nel nostro territorio nel 2021, di cui 3 tra gli 0 e i 10 anni, 6 tra gli 11 e i 14, mentre la maggior parte, 46, dai 15 ai 17 anni. A livello nazionale, nei primi 4 mesi del 2022 si contano 3.589 minori scomparsi in Italia. Si tratta del 64,63% del totale delle denunce di scomparsa, che ammontano a 5.553. La percentuale dei ritrovamenti è del 72,11% per gli italiani e del 31,17% per gli stranieri.

I minorenni stranieri che scompaiono sono per lo più quelli entrati clandestinamente sul territorio nazionale ed inseriti nell’apposito circuito di protezione e integrazione. Gli italiani, invece, sono spesso vittime di disagi familiari e relazionali, senza contare tutte quelle cause accessorie che spesso ne provocano l’allontanamento: dal cyberbullismo agli adescamenti sul web, dalla droga al revenge porn. Altri casi, invece, riguardano minori vittime di contese familiari o genitoriali.

Per questi motivi una capillare opera di sensibilizzazione risulta particolarmente importante al fine di prevenire il fenomeno. Ma anche a sapere come agire: è fondamentale, in caso di scomparsa, allertare subito le forze dell’ordine, in quanto le prime ore, quelle immediatamente dopo la scomparsa, sono quelle più importanti per le ricerche. lb

© Riproduzione riservata
Commenti