Cronaca
Commenta

“Progetti del cuore”, un Fiat Doblò
alla Ccsvi nella Sclerosi Multipla

Nell’ambito dell’iniziativa “Progetti del cuore”, alla Ccsvi nella Sclerosi Multipla di Cremona verrà consegnato in comodato d’uso gratuito un nuovo Fiat Doblò per meglio garantire l’erogazione dei servizi di assistenza e trasporto in favore di tutti quelli che combattono questo problema.

Rappresenterà un sostegno in termini di accompagnamento socio-sanitario, servirà per le visite mediche, fisioterapiche e per i controlli periodici. “Per la nostra associazione è molto importante ricevere un mezzo del genere” racconta il presidente regionale Ornella Righelli. “Verrà utilizzato dai volontari che assistono i malati, accompagnati per sostenere visite mediche nei centri di Milano e San Donato, al San Raffaele a Pavia, Monzino. Sarà utilizzato per il ritiro dei  farmaci, per le visite mediche e odontoiatriche, per fisioterapie e assistenza psicologica con lo scopo di procedere a una socializzazione. Insomma, si tratta di un sostegno reale, concreto anche nello svolgimento di pratiche quotidiane come la spesa al supermercato o le visite ad amici.

Abbiamo già un camper per le manifestazioni, un info point e altre auto che servono per i diversamente abili perché per noi aiutare chi soffre è fondamentale. Garantiamo un servizio quotidiano, tutti i giorni le nostre auto e i nostri volontari sono in giro sempre”. 

A sostenere il progetto anche Annalisa Minetti, testimonial de “I Progetti del Cuore” che ha presentato l’iniziativa. “La mia esperienza personale mi ha resa particolarmente sensibile verso chi ha bisogno. Con questa iniziativa si cerca di migliorare la vita dei cittadini diversamente abili. Quello che mi ha spinto verso “I Progetti del Cuore” è senz’altro la vocazione di iniziative come questa. Voler contribuire a risolvere il problema, sempre più stringente per l’Amministrazione pubblica e per le associazioni di volontariato, della destinazione di fondi per l’acquisto di mezzi da trasformare e adibire al trasporto dei cittadini con disabilità o ridotta capacità motoria”. 

Sarà proprio grazie alla partecipazione delle attività locali che potrà essere garantita l’esistenza di questo un servizio, che corrisponde ad una necessità imprescindibile sul territorio. Le aziende potranno trasferire sul proprio marchio il valore aggiunto di questo nobile servizio, ricevendo in cambio un sicuro riconoscimento da parte della comunità. Proprio in questi giorni la società incaricata “Progetti del Cuore Società Benefit srl” si occuperà di informare i titolari delle attività economiche sulle caratteristiche dell’iniziativa.

© Riproduzione riservata
Commenti