Cronaca
Commenta

Il bacino padano chiede l'acqua
dei laghi, ma il Garda nicchia

L’Aipo – agenzia interregionale del Fiume Po –  insiste sulla necessità di maggiori prelievi d’acqua dai laghi montani per alimentare i fiumi che scendono a valle e i canali irrigui della pianura, ma dal Garda arriva la segnalazione dei gravi problemi che anche il più grande lago italiano sta vivendo.

Ne parla Pierlucio Ceresa, segretario della Comunità del Garda: il livello è mezzo metro in meno rispetto al trend degli ultimi 15 anni e la temperatura dell’acqua da qui a fine secolo aumenterà tra i 3 e i 5 gradi. “Agli amici agricoltori dico che, tra le misure da adottare, bisognerebbe introdurre colture che necessitano di minori quantitativi d’acqua”, afferma.

Il servizio di Giovanni Palisto

© Riproduzione riservata
Commenti