Eventi
Commenta

Il centro città romba: Giovedì
d'Estate dedicato ai motori

(foto Sessa)

Quello dei motori è un appuntamento tra i più attesi dei Giovedì d’Estate. Di sicuro l’auto e gli altri mezzi di locomozione sono uno dei simboli del Novecento. Nella serata organizzata da Botteghe del Centro e Confcommercio, in collaborazione con Comune di Cremona e Duc, oltre che con il sostegno di Padania Acque, passato, presente e futuro della mobilità si intersecano in modo affascinante. Tre le vie e le piazze del centro prende forma un racconto che attraversa tutto il Novecento fino ad arrivare alle sfide della mobilità contemporanea.

Questo percorso a ritroso prende avvio proprio dai modelli più recenti, capaci si coniugare le prestazioni alla sostenibilità, di unire design, confort e i più moderni dispositivi per la sicurezza. Grazie a quattro concessionari (De Lorenzi, Bossoni, Autotorino e Crema Diesel) di fatto sono rappresentati quasi tutti i marchi più affermati. Con modelli che spaziano dalle city car alle berline più importanti e prestigiose, dalle vetture famigliari ai modelli sportivi. Poi ci sono le “furiserie” entrate nel mito. Su tutte le Ferrari del club di Piacenza. Con istant classic, rosse e ruggenti, che fanno sognare gli appassionati.

Rinuncia, invece, alle quattro ruote, il Cavec che, per questa edizione, propone una bella silloge di Vespe, dai modelli a faro basso degli anni Cinquanta, come quella che accompagna Gregory Peck e Audrey Hepburn, in Vacanze romane ai modelli degli anni Settanta, ugualmente protagonisti – sulle stesse strade – delle pellicole di Nanni Moretti. Ugualmente iconica la “Maggiolino”, celebrata dai soci del sodalizio dedicato a questa Volkswagen. Assolutamente inedita e (sicuramente) capace di attrarre l’attenzione dei partecipanti ai “giovedì” è la presenza del “Collezione dei Velocipedi e delle biciclette antiche” di Alfredo e Carlo Azzini che, per una sera, offrono una selezione dei modelli esposti in maniera permanente nel loro museo di Soresina. Completano gli stand la autoscuola Michelini, che porterà in piazza Stradivari un simulatore, e il servizio di trasporto pubblico di “Arriva Italia”, con un bus (elettrico) che anticipa la mobilità del futuro. Tanto spazio anche alla cultura. E alla musica.

In particolare, in questo giovedì, si rinnova la sinergia con il “Festival delle Orchestre Giovanili” promosso da Camera di Commercio. Una rassegna capace di richiamare a Cremona giovani talenti del pentagramma che arrivano da ogni parte del mondo. Protagonisti del concerto sono gli ottanta ragazzi (dai dieci ai diciotto anni) della Dornbirn Youth Symphony Orchestra. Il loro programma spazia dalle atmosfere calienti del compositore messicano Arturo Marquez a quelle incipriate (e irrinunciabili per un ensemble austriaco) dell’operetta e dei valzer di Strauss per chiudersi (quasi in un omaggio a Cremona e al nostro Paese) con la “Grande marcia Italiana” di Fucik. Dopo il successo della scorsa settimana viene riproposta la apertura straordinaria del “museo civico Ala Ponzone” e la possibilità di visitare la mostra dedicata a “Sofonisba Anguissola e la Madonna dell’Itria”. Per poter partecipare alla visita guidata è necessaria la prenotazione allo 0372 40770.

E, per concludere, l’appuntamento forse più in linea con il tema della serata. Il CAI propone un piccolo evento nel cortile di Casa Sperlari dal titolo: “Sentieri e Cammini: per una mobilità sostenibile ad alto valore sociale”.
Tornano anche tutte le altre attrattive dei Giovedì. A partire delle leccornie di “Largo Bocconcino” e lo street food più caratteristico della città, con spazio dedicato a prodotti a km0, alle nuove contaminazioni gastronomiche, alla valorizzazione delle produzioni dei territori che partecipano al progetto di East Lombardy.

A garantire una proposta di qualità, in grado di soddisfare ogni palato, ci saranno Enoteca Cremona, Fabbrica di Pedavena – Mexicali,, Trattoria El Sorbir, Pescheria Duomo, Buon palato e, a dare un tocco di esotico, Mood Asian Food Factory. Mentre gli stand gastronomici punteranno in modo particolare sull’utilizzo dei prodotti legati alla stagionalità, uno spazio autonomo sarà destinata alla presentazione della vasta gamma delle eccellenze delle province (oltre che di Cremona) di Bergamo, Brescia, e Mantova, con degustazioni guidate a cura di CrForma, che utilizzando proprio la vetrina delle serate di shopping sotto le stelle proporrà anche iniziative sul tema della formazione professionale per gli operatori del settore.

Ritornano anche le tradizionali bancarelle dell’ambulantato di qualità e il mercatino degli hobbisti in corso Garibaldi, mentre in via Cavour approdano i negozi di quartiere, simbolo di una città che – nei giovedì, si ritrova protagonista anche al di là dei confini del centro. Sono confermati le attività legate al “gioco”. Con la “Buca del Coboldo in Piazza Roma, con uno stand accresciuto negli spazi e nelle attività proposte. Infine la musica (quella più leggera e moderna), con tantissimi locali che propongono un intrattenimento con i dj e gruppi impegnati a creare la colonna sonora della serata.

© Riproduzione riservata
Commenti