Cultura
Commenta

Al Cinema Filo incontro con
Massimo Recalcati e Isabella Guanzini

Una nuova iniziativa di promozione della lettura. Organizzato dal Comune di Cremona, nell’ambito del Patto per la Lettura, con la collaborazione del Cinema Filo e della casa editrice Ponte alle Grazie, appuntamento mercoledì 21 settembre, alle ore 21, al Cinema Filo (piazza Filodrammatici, 1), con Massimo Recalcati che presenterà il libro Filosofia della gioia di Isabella Guanzini, presente l’autrice. L’incontro sarà curato da Cristina Palomba, editor di Ponte alle Grazie. Due intellettuali tra i più noti in Italia svilupperanno un dialogo fra psicoanalisi e teologia, per prendersi cura delle malinconie del presente. L’ingresso è libero, ma è gradita la prenotazione. Per informazioni e prenotazioni inviare un mail all’indirizzo info.cinemafilo@gmail.com.

Massimo Recalcati è membro della Società Milanese di Psicoanalisi – SMP, fondatore di “Jonas – Centro di clinica psicoanalitica per i nuovi sintomi” e direttore scientifico della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia IRPA di Milano. Insegna all’Università di Verona e allo IULM di Milano. Dal 2003 è direttore e docente del “Corso di specializzazione sulla clinica dei nuovi sintomi” preso la sede Jonas Onlus di Milano. Attualmente, è supervisore al Centro Gruber di Bologna per casi gravi di DCA. Collabora con le pagine culturali de La Repubblica e La Stampa. Dal 2014 dirige per Feltrinelli la Collana Eredi. Dal 2020 cura, insieme a Maurizio Balsamo, la direzione della rivista Frontiere della psicoanalisi, edita da Il Mulino. Le sue numerose pubblicazioni sono tradotte in diverse lingue.

Isabella Guanzini ha conseguito il dottorato in Teologia fondamentale all’Università di Vienna e il dottorato in Studi Umanistici all’Università Cattolica di Milano. È professore ordinario di Teologia fondamentale all’Università di Linz (Austria) e membro del Forschungszentrum Religion and Transformation in Contemporary Society dell’Università di Vienna. Con la casa editrice Ponte alle Grazie ha il libro Tenerezza – La rivoluzione di un potere gentile (2017).

Il Patto per la lettura è un accordo proposto dal “Centro per il libro e la lettura” (Cepell), articolazione del Ministero della Cultura, già stipulato in diverse città italiane. Anche a Cremona il Patto prende la forma del protocollo di intesa, sottoscritto da Enti e altri soggetti pubblici e privati appartenenti alla filiera del libro e della lettura, con lo scopo di attuare e promuovere azioni e progetti di promozione del libro e aumentare i lettori. Il presupposto sta nel riconoscere il diritto di tutti alla lettura, come strumento indispensabile per esercitare una cittadinanza piena e responsabile, come mezzo di conoscenza, di accesso all’informazione e come elemento di coesione e inclusione sociale, contro la povertà educativa. La nostra città presenta una realtà ricca di iniziative che nel Patto possono trovare una “casa comune” e attivare una sinergia tra tutti gli attori che si occupano di promozione della lettura, quali sono le biblioteche, le scuole, le librerie, i festival, le associazioni culturali, gli editori e le testate giornalistiche e le organizzazioni che possono offrire supporto a queste iniziative. Il Patto ha una durata sperimentale di tre anni ed è aperto all’adesione di tutti i soggetti interessati che possono sottoscriverlo attraverso l’apposito form online. Sono già trentotto che hanno aderito (per informazioni: pattoperlalettura@comune.cremona.it).

© Riproduzione riservata
Commenti