Cronaca
Commenta

A Cremona Solidale convegno su
fragilità e continuità assistenziale

L'azienda speciale comunale di via Brescia crocevia di esperti nelle varie branche della geriatria nella giornata del 7 ottobre.

L’Azienda Speciale Comunale Cremona Solidale, nel pomeriggio di venerdì 7 ottobre, nella Sala Benaco della Palazzina Azzolini, organizza il convegno “Fragilità e continuità assistenziale”.
“Un appuntamento di assoluta rilevanza – spiega il Direttore Generale Alessandra Bruschi – con cui si intende inaugurare un percorso che vede la nostra Azienda impegnata, insieme a partner accreditati a livello nazionale e non solo, nell’obiettivo ambizioso di inserirsi a pieno titolo nei filoni della ricerca e della produzione di contenuti scientifici in Geriatria”.
Gli obiettivi del Convegno sono: contestualizzare la correlazione tra fragilità e sindromi geriatriche nella persona anziana; descrivere i percorsi che consentano di ottimizzare l’erogazione degli interventi multidisciplinari al fine di mantenere una adeguata continuità assistenziale.

Alla registrazione dei presenti, alle ore 16, seguiranno i saluti delle autorità: prof. Gianluca Galimberti, Sindaco di Cremona; dott.ssa Rosita Viola, Assessore alla Politiche Sociali e della Fragilità del Comune di Cremona; dott.ssa Maura Ruggeri, Assessore all’Istruzione e alle Risorse Umane del Comune di Cremona; dott. Emilio Arcaini e Avv. Uliana Garoli, rispettivamente Presidente del CdA di Cremona Solidale e Presidente della Fondazione Città di Cremona; dott.ssa Stefania Bartoccetti, Presidente ASP Golgi Redaelli; dott.ssa Alessandra Bruschi, Direttore Generale di Cremona Solidale. Quindi sarà la dott.ssa Simona Gentile, Direttore Sanitario di Cremona Solidale, ad introdurre il convegno, diviso in due sessioni.
Nella prima si approfondirà il tema “La ricerca per l’ottimizzazione della cura” (ore 16.45/18.45). Interverranno, moderati dal prof. Marco Trabucchi (Gruppo di Ricerca Geriatrica, Brescia; Associazione Italiana di Psicogeriatria) e dalla prof.ssa Claudia Balotta (Comitato Tecnico Scientifico Pio Albergo Trivulzio): il prof. Matteo Cesari (Università degli Studi di Milano) su “Come migliorare il riconoscimento della fragilità?’; la prof.ssa Alessandra Marengoni (Università degli Studi di Brescia) su “La fragilità della polifarmacoterapia”; il prof. Giuseppe Bellelli
(Università degli Studi di Milano Bicocca) su “Esiste una correlazione tra mente e fragilità?”. A seguire, spazio aperto per la discussione.

Il dottor Alessandro Morandi

Nella seconda sessione, moderata dal dott. Enzo Lucchini (Istituto Golgi Redaelli, Milano) e dal dott. Alessandro Reggiani (Cremona Solidale) e incentrata sul tema “Come organizzare gli interventi per la gestione della fragilità” (ore 18.45/20), prenderanno la parola: la dott.ssa Paola Mosa (ASST di Cremona) su “Percorsi di prevenzione nel territorio: il ruolo del Sistema sanitario”; il dott. Alessandro Morandi (Cremona Solidale) su “L’importanza della nutrizione nella persona con fragilità”; la dott.ssa Simona Gentile (Direttore Sanitario di Cremona Solidale) su “La fragilità della persona con decadimento neuro-cognitivo”; la dott.ssa Luisa Guglielmi (MMG ATS Valpadana) su “Il ruolo del medico di medicina generale e del territorio” .

Conclusioni a cura della dott.ssa Simona Gentile.

L’evento – dalla valenza anche formativa con crediti ECM- Educazione Continua in Medicina – è riservato agli iscritti e gode del patrocinio della Regione Lombardia/ATS Valpadana/ASST Cremona; del Comune di Cremona, della Società di Gerontologia e Geriatria, dell’Associazione Italiana Psicogeriatria e dell’Ordine dei Medici Chirurghi della Provincia di Cremona.

© Riproduzione riservata
Commenti