Politica
Commenta

Medaglia d'oro ai sanitari, depositata
la richiesta dalla sola maggioranza

Il reparto di Pneumologia dell'ospedale di Cremona durante il periodo di esplosione del Covid 19

Alla fine maggioranza e minoranza in Comune non ce l’hanno proprio fatta a trovare l’accordo per conferire in maniera unitaria una onorificienza ai sanitari impegnati nella lotta al Covid. Dopo il dibattito in Ufficio di Presidenza di un paio di settimane fa, in cui Pd e Forza Italia si sono rimpallati le responsabilità, questa mattina il capogruppo di FNC e Cremona Attiva Enrico Manfredini ha depositato la proposta di concessione della Medaglia d’Oro ai sanitari nel loro insieme: in rappresentanza di tutti gli operatori sanitari, sono stati indicati l’Ordine dei medici, l’Ordine degli infermieri, Croce Rossa, Croce Verde e Cremona Soccorso.

Ad introdurre la necessità di conferire un riconoscimento a un medico-simbolo dell’impegno del mondo sanitario, Giancarlo Bosio, erano stati già a novembre 2020 i consiglieri Carlo Malvezzi, capogruppo Fi e Maria Vittoria Ceraso (Viva Cremona).
“Come indicato dal nuovo regolamento per la concessione delle civiche onorificenze”, dice Manfredini, “la proposta può essere presentata, oltre che dal Sindaco o dal Presidente del Consiglio Comunale, anche da almeno 1/4 dei consiglieri comunali ( 8 consiglieri). Sono state raccolte al momento 14 firme, tutte di consiglieri appartenenti alla maggioranza, per dare inizio al procedimento.
La proposta è naturalmente aperta a tutti i consiglieri che la vorranno sottoscrivere”, aggiunge Manfredini anche se a questo punto appare difficile che Forza Italia e Viva Cremona lo faranno, mentre qualche apertura potrebbe venire da Lega e Fratelli d’Italia che in Ufficio di Presidenza non si sono allineate con Forza Italia.
Il documento rimarrà disponibile per raccogliere altre firme fino a giovedì mattina, poi verrà protocollato. Il regolamento prevede che, dopo la raccolta delle firme, ci sia una fase istruttoria condotta dall’Ufficio di Gabinetto del Sindaco, d’intesa con la Presidenza del Consiglio Comunale. La proposta così istruita sarà trasmessa alla Giunta comunale e, successivamente, all’Ufficio di Presidenza del consiglio comunale per l’acquisizione dei rispettivi parerie. La concessione del riconoscimento civico sarà poi deliberata dal Consiglio Comunale, a scrutinio segreto, con il voto favorevole di almeno due terzi dei consiglieri assegnati.

IL TESTO DELLA  PROPOSTA

A partire da fine Febbraio 2020 l’Italia ed il mondo intero sono stati colpiti dalla pandemia di Covid 19, che ha duramente colpito milioni di persone, provocando innumerevoli vittime e strascichi sulla salute di molte persone.
Cremona è stata una delle città più colpite, subendo un elevatissimo numero di decessi e un grande carico di sofferenza in molta parte della popolazione.
Un contributo essenziale nell’affrontare questa situazione straordinaria è sicuramente venuto dagli operatori sanitari nel loro complesso, che con infaticabile abnegazione hanno operato per molti mesi, al fine di fronteggiare questo imprevedibile evento, alcuni dei quali pagando con la propria vita.
La lotta alla pandemia è stata un’azione collettiva ed è stata fondamentale anche la mobilitazione di tutte le altre figure che ruotano intorno al mondo sanitario, tecnici, amministrativi, magazzinieri, autisti e di tante associazioni di volontariato, dove anche molti giovani hanno dato un contributo importante.
Desideriamo farci interpreti della gratitudine di tutta la cittadinanza per l’impegno professionale nella cura dei pazienti e per l’esempio di dedizione e umanità del personale sanitario nelle sue varie declinazioni, richiedendo l’assegnazione della MEDAGLIA D’ORO CITTA’ DI CREMONA, da consegnare all’Ordine dei Medici, all’Ordine degli Infermieri, alla Croce Rossa, alla Croce Verde e a Cremona Soccorso, in rappresentanza di tutti gli operatori sanitari e dell’intero comparto socio-assistenziale. gb

 

© Riproduzione riservata
Commenti