Cronaca
Commenta

Autovia Padana, aumento
shock per l'A21: +9,15%

Aumento shock delle tariffe sull’A21 Brescia – Cremona – Piacenza. In una nota pubblicata sul sito di Autovia Padana, si scopre che da oggi sulla tratta scatta un aumento del 9,15%, quasi il doppio di quello del 1 gennaio 2022 (+5,45%) che già segnava un record rispetto al resto d’Italia. “Dal 1° gennaio 2023 – si legge – entrano in vigore gli adeguamenti delle tariffe di pedaggio autostradale delle Società Concessionarie disposti con i Decreti del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze.
Per la quota competenza di AUTOVIA PADANA l’adeguamento è pari al 9,16%.
Possibili variazioni sul pedaggio finale potrebbero derivare, oltre che da aumenti praticati da alcune Concessionarie interconnesse, anche dall’arrotondamento unico per eccesso o per difetto ai 10 centesimi di Euro, come previsto dal D.I. n. 10440/28/133 del 12/11/2001”.

L’aumento sulla tratta che interessa Cremona, passata in gestione al gruppo Gavio dopo l’ultradecennale concessione a Centropadane, è molto più consistente della media italiana: i pedaggi sulle arterie di competenza di Autostrade per l’Italia infatti salgono del 2%, con aggiunta di un altro 1,34% solo dal primo luglio 2023, come annuncia una nota del ministero dei trasporti e delle infrastrutture, nella quale il vicepremier e ministro Matteo Salvini spiega che si rischiava “un aumento che sfiorava il 5% che è stato scongiurato” e che “nel nostro paese gli incrementi sulle tratte interessate sono inferiori all’inflazione”. gb

© Riproduzione riservata
Commenti