Cronaca
Commenta

Giardini pubblici, la pioggia
fa riemergere il calcestre disastrato

La pioggia di oggi fa riemergere uno dei problemi di vecchia data dei Giardini Pubblici di piazza Roma. Larghe pozzanghere un po’ dovunque, in corrispondenza delle panchine e agli ingressi, soprattutto quello verso Corso Mazzini; e poi nel vialetto retrostante l’aiuola centrale, davanti alle montagnole, dove il calcestre è ormai quasi completamente sparito.

Un Giardino invecchiato prima del tempo quello di piazza Roma, ora che sta per compiere vent’anni, tanti ne sono passati dal restyling che porta la firma dell’architetto Andrea Kipar. Subito il progetto fece discutere, soprattutto per quella scelta del calcestre che se da un lato era elemento qualificante per un giardino “storico”, dall’altra poneva fin da subito la necessità di una costante e periodica manutenzione. Che negli anni il Comune ha fatto sempre più fatica a garantire. Se a questo aggiungiamo il degrado delle montagnole, dove da alcuni anni il varco è chiuso per problemi di stabilità, il quadro della situazione è quasi al completo.

Peccato che non siano andati a buon fine i due bandi a cui il Comune aveva acceduto, uno della Regione e uno a valere sui fondi del Pnrr, per una sistemazione complessiva. Il progetto predisposto dal Comune ammontava a 1,8 milioni di euro che includeva anche il rifacimento della pavimentazione, oltre ad interventi sulle aiuole e sull’arredo urbano.
E a ricordare da quanto tempo il Giardino più amato dai cremonesi sia sotto osservazione, c’è – tra l’altro – la raffica di segnalazioni fatte dall’ex presidente del Quartiere Po Matteo Tomasoni che mette in fila tutte quelle fatte negli ultimi due anni: “Il 4 dicembre 2020 segnalo: ai giardini di piazza Roma, ingressi con pozzanghere e chiusini che fuoriescono. Mi viene risposto dal Servizio Gestione e Progettazione che è già stato segnalato ad Aem Servizio Strade, la quale provvederà alla riparazione.
Sollecito il 10 febbraio e 7 aprile 2021. Non ho avuto alcuna risposta.
Sollecito il 21 febbraio 2022 ed in risposta il 22 aprile mi rispondono: il Servizio Strade di Aem ha preso in carico la segnalazione, che è stata inserita nell’elenco dei fabbisogni degli interventi in attesa di finanziamento. Sollecito il 25 luglio ed il 29 agosto 2022”. gb

© Riproduzione riservata
Commenti