Commenta

Presentato 'Municity', 200 mila euro a favore degli universitari di Crema e Cremona

protocollo-anci

Duecento mila euro per servizi a favore degli studenti. Sono il frutto di un accordo stipulato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri (Dipartimento della Gioventù) e dall’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) per disciplinare le modalità di programmazione, realizzazione, monitoraggio e valutazione delle iniziative a favore dei Comuni che sul proprio territorio ospitano la sede di uno o più corsi di laurea in cui risultavano iscritti, per l’anno accademico 2010/2011, complessivamente non meno di mille studenti. Tra questi il Comune di Cremona, ammesso al finanziamento insieme ad altri 12 partecipanti, come il Comune di Crema.
Gli ambiti d’intervento del progetto denominato Municity sono la cittadinanza studentesca, il problema degli alloggi, gli spazi e le strutture per lo studio gli interventi nel campo dei trasporti, della cultura, dello sport, servizi in rete per gli studenti, servizi rivolti alle studentesse-madri, servizi rivolti agli studenti disabili, l’accoglienza degli studenti stranieri.
Queste le attività che saranno portate avanti nei diversi ambiti e che saranno concluse entro il 31 dicembre 2012 con i soggetti che le metteranno in atto.
Sarà organizzata a Cremona la prima assemblea delle Consulte Universitarie della Lombardia per permettere la condivisione delle buone pratiche e favorire lo scambio di informazioni e progetti. Verranno attivati tavoli di concertazione territoriale tra tutti i partner del progetto per coordinare, monitorare e garantire il corretto svolgimento delle attività progettuali e delle attività rendicontative. Il partner coinvolto è la Consulta Universitaria di Cremona.
Per sostenere gli studenti universitari nella ricerca di alloggi si intendono realizzare due iniziative: un database completo e aggiornato di alloggi disponibile e consultabile on-line; la promozione di borse di studio per aiutare gli studenti nelle spese legate agli affitti (i partner coinvolti sono il Comune di  Cremona e il Comune di Crema); calmieramento degli affitti con borse di studio legate all’eccellenza. Il Comune di Crema ha istituito sin dall’anno accademico 2010/2011 sei borse di studio destinate a studenti e neolaureati presso la sede di Crema dell’Università degli Studi di Milano (Comune di Crema).
Verranno ampliati gli orari di apertura della biblioteca. Per l’ampliamento del servizio, saranno individuati studenti che  riceveranno un’adeguata formazione per garantire la corretta gestione del servizio (Istituto Superiore di Studi Musicali Claudio Monteverdi e il Comune di Cremona); si studierà un potenziamento dei servizi di supporto allo studio: si intende potenziare uno specifico servizio di supporto allo studio, che consiste nel servizio di accompagnatore al pianoforte. La borsa lavoro sarà affidata ad allievi dell’Istituto che risulteranno idonei a fronte di specifica selezione (Istituto Superiore di Studi Musicali Claudio Monteverdi); verranno potenziati strumenti e software per la didattica: il progetto ha lo scopo di completare la dotazione degli spazi resisi disponibili dell’immobile adiacente alla sede universitaria di Crema; ambienti di virtualizzazione per consentire agli studenti di emulare sistemi e reti informatiche di varia tipologia; ambienti evoluti di progettazione; strumenti avanzati per la progettazione di sistemi informatici sicuri (Università di Milano – sede di Crema).
Numerosi anche gli interventi nel campo dei trasporti, della cultura e dello sport (borse di studio Politecnico, borse lavoro Azienda Ospedaliera, University Card, una settimana di convegni seminari ed eventi ‘Uni-Sport-Cremona’, conferenze sui temi del doping e della violenza, corsi sportivi professionalizzanti, sostegno alla creatività giovanile) e nel campo dei servizi in rete per gli studenti (piattaforma on-line, clip informative, database).
Attenzione anche ai servizi rivolti a studenti disabili e all’accoglienza di studenti stranieri.
“Il progetto – ha dichiarato l’assessore Alquati – ha permesso di rafforzare l’identità di Cremona intesa a tutti gli effetti come città universitaria in quanto in grado di far dialogare tra di loro le facoltà cremonesi e cremasche con un obiettivo comune in un frangente storico/economico non facile e con una particolare attenzione anche allo sport.”

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti