Commenta

Le ville padane del Rinascimento approdano alla New York University

MODEL

Ville della Pianura Padana che approdano alla New York University. La mostra “Ville del Rinascimento padano – I Bastioni, il Portico e la Fattoria”, curata dall’architetto Alberto Faliva e ospitata a Palazzo Roncadelli-Manna di Cremona da ottobre 2010 a febbraio 2011, si trasferisce a Manhattan, alla Casa Italiana Zerilli Marimò presso la prestigiosa Università. La data di inaugurazione è fissata per il 20 settembre: un pezzo di storia rinascimentale locale che sbarca oltreoceano. Si tratta di una mostra di modelli lignei giganti di ville padane appartenenti all’epoca del Rinascimento. Ville pseudo-fortificate situate lungo il percorso del fiume Po, tra Cremona, Mantova e Ferrara. C’è la villa Boffalora di Busseto, la palazzina di Pontevico, la villa di Ludovico Schizzi a Casteldidone, la villa Medici del Vascello di San Giovanni in Croce, la palazzina di Marmirolo, la villa Albergoni di Moscazzano, la villa Affaitati a Grumello cremonese, il palazzo di Mesola presso Ferrara ed altre. Entrando nel cuore delle forme che portano tanto lontano, alle polverose pagine mai pubblicate di trattati d’architettura come quelli di Serlio, Francesco di Giorgio Martini, Filarete e Du Cerceau, ma anche di Leonardo da Vinci, la mostra propone maquettes di dimensioni impressionanti, realizzate in scala 1:33. Per arricchire l’esposizione, a New York come a Cremona, modelli computerizzati in 3d da consultare tramite touchscreen. Il catalogo Electa è Inglese e Italiano, bilingue, con contributi di docenti importanti del mondo americano e anglosassone e una video intervista al prof.emerito Joseph Rykwert, uno dei massimi storici viventi dell’architettura.

© Riproduzione riservata
Commenti