Un commento

Parco Adda Sud, 250 nuovi cartelli e il decalogo del “turista (quasi) perfetto”

Parco_adda_sud

Quasi 250 nuovi cartelli per dare indicazioni, suggerimenti e consigli a chi decide di andare alla scoperta delle aree verdi lungo il fiume fra Lodi e Cremona. La segnaletica è in fase di posizionamento, ma nel frattempo il Parco Adda Sud lancia un appello al rispetto dell’ambiente a tutti i turisti che in questi giorni e nelle prossime settimane si riverseranno nell’area protetta.

I “punti di crisi” sono in particolare su alcuni parcheggi dove il un numero di presenze giornaliere passa dalle 10-15 del periodo invernale fino alle 200-300 auto dell’estate. “E’ chiaro che con un aumento del genere serve un sistema di regole e di indicazioni per garantire la tutela dell’ambiente e la civile convivenza – spiega Maurizio Polli, responsabile delle Guardie ecologiche volontarie del Parco – ma credo che alla base ci sia prima di tutto una normale dose di buon senso”.

Ecco il decalogo del “turista (quasi) perfetto” nel Parco Adda Sud:

– Rispetta l’ambiente

– Anche se hai un fuoristrada usa le normali vie di accesso

– I parcheggi e i sentieri esistono proprio per non rovinare piante e fiori

– Consulta la mappa dei parcheggi sul sito del Parco Adda Sud

– Quando ti fermi in un posto tieni pulito e porta via i rifiuti che hai prodotto

– Non disturbare gli altri con grida o radio troppo alta

– Non accendere fuochi a terra, per le grigliate usa dei barbecue portatili

– Non lasciare braci accese, stai attento ai piccoli carboni ardenti

– Non buttare in terra mozziconi di sigaretta: sporcano e rischiano di provocare incendi (nel 2010 ci furono 5 casi)

– Evita di usare auto e moto all’interno del Parco Adda Sud

© Riproduzione riservata
Commenti
  • L’idea di una nuova segnaletica per far conoscere meglio le risorse del Parco dell’Adda mi sembra veramente azzeccata. Sono una guida indispensabile al visitatore che viene per la prima volta nel parco.
    In aggiunta metterei delle didascalie per indicare le varietà vegetali all’interno del parco.