12 Commenti

Due vigili urbani in borghese nella rissa al gazebo leghista: provvedimenti? Versione Lega: «Hanno fatto da pacieri»

Gazebo-evidenza

Ci sarebbero novità clamorose nel filmato delle telecamere dei giardini pubblici che hanno ripreso l’assalto e la successiva rissa al gazebo della Lega dello scorso 6 agosto. Infatti, secondo alcune indiscrezioni che abbiamo raccolto, pare che nelle immagini si distingua chiaramente che tra i protagonisti della rissa vi siano anche due vigili urbani in borghese, iscritti alla Lega, che stavano volantinando al gazebo. I due si sarebbero resi protagonisti della scazzottata. La segnalazione sarebbe già arrivata sul tavolo del comandante dei vigili urbani e dell’assessore alla polizia municipale Alessandro Zagni. Pare però che nessun provvedimento sia ancora stato preso e il direttore generale del Comune starebbe valutando dal punto di vista disciplinare la posizione dei due vigili che, pur essendo fuori servizio, restano comunque pubblici ufficiali.

Sulla questione interviene direttamente anche l’assessore Zagni (a sinistra): «Se ci sono responsabilità emergeranno chiaramente con le indagini. C’è comunque da puntualizzare che essendo fuori dall’orario di servizio erano liberi di partecipare all’iniziativa. Sono dipendenti comunali, e hanno anche il diritto di essere iscritti al partito». Zagni prosegue: «In ogni caso, qualora dovessero affiorare condotte sbagliate, la competenza su eventuali provvedimenti è della struttura del Comune, con la direzione generale. A quanto ne so, comunque, nessun provvedimento è nelle previsioni».

«Dalle informazioni che ho raccolto e stando a quanto mi è stato riferito – conclude – una delle due persone era lontana dai fatti, ed è intervenuta successivamente per calmare le acque. L’altra era invece più presente, ma anch’essa si è messa in mezzo nel tentativo si separare gli altri».

Arrivano altre parole dal Carroccio. Sono quelle di Alessandro Carpani (a destra), presente durante la bagarre al gazebo: «Le due persone hanno cercato di intervenire per calmare le acque», dice. «Ci poniamo a difesa dei due militanti, che sono anche vigili – prosegue -. Hanno tentato di fare da pacieri, sono intervenuti per aiutare i colleghi che stavano lavorando». Sulla vicenda: «Notizie al riguardo la polizia non ne ha».

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • elia

    Se i fatti descritti corrispondono alla verità Bisognerebbe sospendere i vigili dal servizio e per qualche mese, ma sarà molto dura visto che ci sono tre assessori della lega nella giunta .
    Elia il profeta

    • Alessandro

      Non han mosso un dito, evidentemente c’è “qualcuno” (visto che la notizia non arriva dalle forze dell’ordine ma bensì dall’interno del Comune…come confermato da alcuni giornalisti!) che vuole strumentalizzare la vicenda colpendo persone innocenti solo perchè presenti e partecipi alla manifestazione della Lega.

    • bruno

      Caro Elia, ti ricordo che, in quella lettera, hai scritto espressamente che avete usato la “forza” contro i rumeni e non dirmi che l’avete fatto con gentilezza.

  • ugo

    se uno è pubblico ufficiale e ti menano, sen<za darti il tempo di parlare, cosa fai ?
    devi porgere l'altra guancia ?

    • elia

      L’assesore Zagni ha dichiarato C’è comunque da puntualizzare che essendo fuori dall’orario di servizio erano liberi di partecipare all’iniziativa. Sono dipendenti comunali, e hanno anche il diritto di essere iscritti al partito», gulp questa è l’ennesima dimostrazione della scarsa cultura di chi dovrebbe rappresentarci ,caro Zagni sappi che i vigili possono essere certamente iscritti a qualsiasi partito ,ma non dovrebbero mai dico mai partecipare ai banchetti in quanto loro dovrebbero essere super parte ,se l’assessore ha difficoltà a comprendere questi semplici concetti democratici significa che siamo alla frutta a livello democratico ,si faccia fare un po’ di ripetizione da qualche giurista , un pubblico ufficiale è pubblico ufficiale anche al banchetto della lega doveva evitare di volantinare contro l’immigrazione lui è un pubblico ufficiale e non può partecipare all’agone politico, io non sarò in grado di farglielo capire , ma la magistratura presumo di si.
      elia sciacca

    • elia

      devi farti riconoscere fermare con la forza la persona la persona e attendere le forze dell’ordine ,non devi menare nessuno, mi auguro che la procura emetta una denuncia sia per i facinorosi ma sopratutto per i 2 vigili naturalmente se le notizie corrisponderanno al vero, i filmati divrebbero fare chiarezza, e l’assessore zagni che minimizza verrà sconfessato pesantemente . checchè ne dica l’assessore alla partita
      Elia Sciacca

      • ugo

        elia, in sintesi:

        se il banchetto è della lega i vigili in borghese non possono fare i militanti,
        se i militanti vigili in borghese fossero stati ad un gazebo di sinistra allora erano eroi,
        se la lega dà biglietti gratis per il museo non và,
        se uno ti tira della merda è un eroe,
        ma fammi il piacere…

        • elia

          io penso che un vigile non possa partecipare attivamente alle manifestazioni di un partito altrimenti scade il principio del super parte, non penso che sia così difficile da comprendere ,altrimenti sarebbe normale che anche il comandante dei vigili facesse volantinaggio, ripeto i vigili ,poliziotti carabinieri,ecc possono avere in tasca qualsiasi tessera, ma non possono partecipare sebbene in borgherse alle manifestazioni sia della lega che di qualsiasi altro partito ,
          ma visto che siamo in Italia finirà tutto a tarallucci e vino il Sindaco farà lo gnorri gli assessori della lega difenderanno i vigili militanti, a spada tratta e l’opposizione farà qualche interpellanza senza nessun esito e tutto finirà nel dimenticatoio, a meno che la magistratura non ravveda gli estremi del reato che a mio sommesso avviso coi sono sia per i facinorosi, ma sopratutto per gli ingenui vigili urbani, chi vivrà vedrà .
          Elia Sciacca

        • bruno

          Caro Elia, io non ti capisco, fai il “maestro” ad insegnare quello che deve fare un “pubblico ufficiale”: farsi riconoscere, fermare con la forza, attendere le forze dell’ordine ecc… Ma se queste sono prerogative di un pubblico ufficiale, spiegami perche’ nella tua lettera alla Provincia del 5 agosto hai raccontato che, tu ed altre persone, avete fermato, su una spiaggia della Calabria, due Rumeni che aggredivano una coppia. Se questo e’ un compito di un pubblico ufficiale, allora, anche tu sei andato fuori dalla regole, ti sei appropriato una una “funzione pubblica” che non ti spettava. Allora, per stare nelle regole, dovevi fare come ti diceva Zanolli: “chiamare le forze dell’ordine ed attendere”. La verita’, caro Elia, e’ che e’ facile fare il professore sulle disgrazie altrui, magari facendosi sfuggire dalla memoria le proprie incoerenze.

  • DIRITTO DI MERDAGGIO

    Fatto certo: il compagno Merdinmano, del circolo Kavarna, quello del “costruire, non distruggere”, ha messo in pratica un loro principio costituzionale, il sacchetto di merda sul tavolo della Lega. Gli ignoranti, invece di capire che non tutti ci esprimiamo con gli stessi modi, l’hanno pestato. Subito è volato il Soccorso rosso. Botte da orbi.
    Ora inizia il paziente lavoro di ricostruzione degli investigatori. Sembra che tra i leghisti ci fossero due vigili in borghese. A che titolo hanno menato?
    Per i benpensanti di sinistra non c’è dubbio, vadano sospesi, sono andati oltre le loro funzioni, prenderle. L’unica eccezione permessa, se in borghese, difendere me.
    In divisa hanno l’obbligo di rispettare i tempi: devono riportare l’ordine, ma mai per primi, è indispensabile accertare che si sia creato il disordine. Accertato che sia, possono agitarsi un po’, senza esagerare.
    Nel caso di specie dovevano qualificarsi, prendere in consegna Merdinmano e consegnarlo alla forza pubblica in servizio qualche minuto dopo, sopportare con senso delle Istituzioni che i compagni di Soccorso rosso dessero qualche colpo: questione di stile, non era il caso di abbassarsi al loro livello.
    Dov’era tutta sta fretta? infine quelli della Lega son dei popolani, non hanno quattro cognomi.

    Cremona 23 08 2011 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • bruno

    Caro Elia, ti ricordo che in quella lettere, hai scritto espressamente che avete usato la “forza” con i rumeni e non dirmi che l’avete fatto con gentilezza….

  • bruno

    Roba da matti, i due vigili sono conosciuti da tutti come persone equilibrate e posate e tutt’altro che rissose. Dovrebbero essere loro, invece, a rivolgersi alla magistratura contro queste menzogne calunniose ed infamanti insinuate contro la loro onorabilita’. In realta’ si vogliono coprire i “compari” dei centri sociali che scorrazzano liberi per le citta’ a fare vandalismi e ad imporre la loro volonta’ da mafiosetti come dei “padroni del territorio”.