Commenta

“Piatto Forte” degli Useless Wooden Toys: electro-dance in salsa cremonese che spopola sul web e non solo

uwt2

Il loro ultimo disco “Piatto Forte” è sull’home page di i-tunes store, portale che permette di acquistare on line dischi e canzoni. Loro sono gli Useless Wooden Toys (UWT), duo cremonese, che sta spopolando sul web e non solo. All’anagrafe, Gilberto Girardi e Riccardo Terzi, trentenni con la passione dell’electro-dance. Nel nuovo album, il singolo tormentone “Tirannosauro” (con un gesto arrivato anche in serie A) e 14 brani inediti nati dalla collaborazione con Ex Otago, Piotta, Il Genio, Amari, S.W.I.M, Ghemon Scienz, Entics, Dargen D’Amico, Emilie Chick, Jams F. Kennedy, Sanobusiness, My Awesome Mixtape e Cristina Donà.

Gilberto, il 6 settembre è uscito il nuovo disco “Piatto Forte”, come sta andando?
«Sta andando molto bene, sia sul web, sia durante le serate. E’ un disco eterogeneo, tra dance e hip hop, che punta ad arrivare a persone di diverse fasce di età. Il singolo “Tirannosauro” lanciato prima dell’estate è stato scelto come colonna sonora dello spot dell’Mtv mobile e su you tube abbiamo superato le 200 mila visualizzazioni»

A proposito, tutto è partito con il singolo “Tirannosauro”…
«E’ un pezzo orecchiabile, molto easy (poco impegnato, ndr) che, lanciato prima dell’estate, ha fatto il suo dovere. Il disco è diverso e tenta di lanciare dei messaggi un po’ più costruiti: in “La fine del mondo” parliamo della crisi globale, in “Facciamo la rivoluzione” dei trentenni in Italia, in “Non soddisfa” dei problemi di coppia»

“Tirannosauro” non è solo un singolo, è anche un gesto. Una bella trovata, nata come?
«E’ stata un’idea del regista del video Lorenzo Del Bianco che ha voluto costruire intorno al singolo un vero e proprio personaggio. Una trovata riuscita visto che sembra che il giocatore del Chievo Cyril Théréau abbia esultato facendo il gesto del nostro t-rex (nella foto

“Piatto Forte” è il primo album con un’etichetta importante come la Emi. E’ una svolta per gli UWT?
«Più che una svolta è una scommessa, quella di provare ad entrare in un mondo diverso con logiche più commerciali. Per ora è stata una scelta vincente, con tutti i pro e i contro rispetto ad un’etichetta indipendente»

GQ in un articolo vi definisce ‘nerd di legno’, in che senso?
«’Nerd’ è una cosa che ci tiriamo dietro dal pezzo “Teen Drive In”, ispirato al film “La rivincita dei nerd”. ‘Di legno’ arriva dal nome ‘wooden” (in inglese, appunto, ‘di legno’) che è nato dalla passione per i vecchi sintetizzatori degli anni ’70»

Nerd sempre meno cremonesi, o no? Per esempio, il video “Tirannosauro” è ambientato a Milano, ma la foto del singolo è scattata in una trattoria di Cremona…
«Viviamo una sorta di amore/odio per Cremona. Io e Riccardo siamo entrambi nati e cresciuti a Cremona. Io, però, vivo qui, Riccardo a Milano. Ecco questo può essere esemplificativo di come gli UWT siano a metà strada: a Milano abbiamo i contatti, a Cremona gli spazi e i tempi per riuscire ad esprimerci. Infatti, produciamo ancora nella cascina fuori città e portiamo sempre gli artisti con cui collaboriamo a mangiare i piatti tipici cremonesi»

Come ha risposto il pubblico cremonese alla vostra nuova creatura?
«A Cremona abbiamo tanti amici che ci supportano, ma non frequentiamo il network musicale del territorio. In città, infatti, abbiamo suonato pochissimo e mai niente di ufficiale»

Progetti futuri?
«Per adesso ci godiamo “Piatto forte”, poi da gennaio ricominceremo a scrivere. Abbiamo tante date in programma: tra le altre Bassano del Grappa, Pordenone, Prato e Roma»

Domanda finale: chi c’è sotto il Tirannosauro?
«Non si dice. Forse Bob, forse è meglio chiederlo all’Incomprensibile FC»

Ecco il promo dell’album “Piatto forte”

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=cJJsGn3kCIs[/youtube]

© Riproduzione riservata
Commenti