Commenta

TALENTI CREMONESI ALL’ESTERO (15) A Londra con Andrea Basiola, 21 anni: «A Cremona era impensabile dedicare così tanto tempo alla musica»

evidenza-andrea

(Nella foto, un articolo su Andrea Basiola pubblicato sul giornale “Ealing Gazette”)

Nonostante Cremona sia la città dei violini, per dedicarsi a una passione come quella per la musica, il giovane Andrea Basiola si è trasferito nella capitale inglese. Ora vive nel quartiere di Acton Town (west London), esattamente da due anni e l’entusiasmo per il progetto di costruirsi una nuova vita non si è esaurito. Al momento lavora part time come receptionist presso un hotel nel cuore di Acton. Ma il suo obiettivo è la musica. «Sono un chitarrista e sto cercando di diventare musicista di professione – racconta -. Quando non lavoro all’hotel mi piace dare lezioni di chitarra in giro per la città e suonare con le mie 2 band».
L’occasione per andare via da Cremona è arrivata grazie alla vittoria di una borsa di studio nel giugno 2009 con destinazione la scuola di musica Tech Music Schools. «Avevo già pensato di andare all’estero dopo la fine della scuola – dice Andrea -, ma questa occasione ha fatto al caso mio e per di più la città dove ho deciso di trasferirmi è Londra, capitale della musica e non solo…».
Edifici storici e locali all’ultimo grido, Londra è una vera attrazione per i ragazzi di oggi. Famosa per la musica, la moda, la cultura, la storia e l’arte, esportate e conosciute in tutto il mondo. «Appena finito il Liceo mi sono subito trasferito, e ho continuato a studiare per un anno presso la Tech Music Schools – continua -. Finita la scuola però sono sorte necessità, ad esempio quella di trovarmi un lavoro e trovare una band con cui suonare. Diciamo che ora sono arrivato ad un punto in cui la mia giornata è caratterizzata perlopiù dalla musica (quando ero a Cremona era impensabile per me dedicarle così tanto tempo) e voglio continuare a seguire la mia strada».
Andrea, però, ha un’opinione precisa riguardo la sua città natale: «Una cosa sia chiara, adoro Cremona, è la città dove sono cresciuto e dove ci sono persone che mi vogliono bene – dichiara -. Devo dire però che vivendo a Londra e tornando ogni tanto in Italia, mi rendo sempre più conto di come a Cremona non ci siano sbocchi professionali, almeno per ciò che voglio diventare: un musicista. A Londra riesco a suonare sempre, ad avere ogni settimana un numero fisso di studenti e a conoscere continuamente nuove persone. Anche se Cremona rimane sempre Cremona, comunque».
Per il momento Andrea resta a Londra. «Se tornassi a Cremona – dice – probabilmente dopo una settimana mi sarei già stufato e non avrei nulla da fare. In tal caso dovrei trovarmi un lavoro full time, che magari non mi soddisfa, e nel tempo libero uscire con gli amici; ma comunque vedrei sempre gli stessi posti».
Il timore di una vita monotona, noiosa, piatta rende Andrea sicuro della scelta presa: «Non tornerei indietro. Adesso, poi, la la mia ragazza mi ha raggiunto e ha appena iniziato un corso di Guitar Making presso il Merton College a Morden a sud di Londra, siamo entrambi molto motivati e abbiamo grandi progetti». Ma cosa avrebbe fatto se fosse rimasto? «Sinceramente non lo so – risponde -, ho sempre avuto un chiodo fisso, quello di suonare la chitarra e di mantenermi con la musica. Se fossi rimasto a Cremona non so se avrei potuto realizzare i miei sogni. Non che adesso sia già arrivato, anzi, sto ancora facendo le mie esperienze, ma sono sicuro di essere nel posto giusto».

Se siete o conoscete cremonesi all’estero che vogliono partecipare alla nostra rubrica, scrivete a redazione@cremonaoggi.it.


© Riproduzione riservata
Commenti