Commenta

Straordinario successo a Pisogne dei concorsi di Liuteria presieduti da Lakatos e Uto UghiOttimi risultati dei cremonesi

pisogne

Nella chiesa di santa Maria della neve del Romanino a Pisogne si è  svolta la cerimonia di  premiazione dei liutai vincitori del 5° Concorso nazionale di Liuteria per strumenti ad arco presieduto dal m° Roby Lakatos e del 2° Concorso internazionale di Liuteria presieduto da Uto Ughi e si è aperta la mostra  delle opere ammesse. Al Concorso internazionale  per strumenti antichizzati e copie di strumenti antichi erano iscritti liutai di 30 nazioni.  (Albania, Argentina, Armenia, Austria, Belgio, Bulgaria, Cina, Colombia, Corea del Sud, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Grecia, Italia, Messico, Norvegia, Nuova Zelanda, Olanda, Polonia, Romania, Russia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Stati Uniti, Svezia, Svizzera, Ungheria, Uruguay)  La giuria composta da liutai e musicisti di livello internazionale dai maestri liutai Bruno Montagne, Zhen Quan, Carlo Vettori, Roberto Collini, e Elisabetta Giordano e dai maestri Alessandro Cervo, Giacomo Grandi, Sebastiano Maria Vianello e  Lin Zhaoyang, ha assegnato le medaglie  d’oro  allo svizzero Sylvain  Rusticoni, al pavese  Matteo Riva e al cremonese Sergio Maggi rispettivamente per gli strumenti antichizzati, per le copie d’autore di strumenti ad arco e per le copie di strumenti a pizzico   Le medaglie d’argento sono state assegnate a Marcello Villa e Valerio Ferron di Cremona e a Franco Merlo di Bovolone ( Verona) e quelle di bronzo  al perugino Filippo Protani,  all’ungherese Rac’z Pale allo  sloveno Demsar

Sono stati quindi assegnati premi speciali al bulgaro  Ivan Chobacov,  al coreano  Oh Dong  Hyun,  a  Dino Graziani di Orvieto e a Matteo Crotti di Carpi ( Modena).

Per il concorso nazionale tra i professionisti Marcello Villa  ( medaglia d’oro ) ha preceduto  l’altro cremonese  Alessandro  GambarinMarcello Bellei di  Modena a sua volta vincitore nella sezione violoncello e a cui è stato attribuito anche un altro importante riconoscimento per la sua viola (Premio liutai bulgari)

Nei violoncelli sezione professionisti al secondo posto  il cinese  Xue Yi e al terzo il bulgaro Slavo Rusi.

Nel  concorso libero  tre coreani si sono piazzati al primi tre posti della graduatoria nella sezione violini Seo Seun Deok, Park Ji Hwan e Lee  Seung Ji mentre per le viole la medaglia d’oro è stata attribuita al cinese Xue Yi che ha preceduto e Mario Brunelli di Ancona e Ignazio Muliello di Palermo

Per i violoncelli  vittoria di Matteo Crotti di Carpi davanti al giapponese  Shotaro Nishimmura e al cinese  Liu Zhaoyang

Infine nel concorso Giovani Liutai riservato agli studenti della scuole di liuteria italiane e ai diplomati da non più di due anni  per la sezione violino vittoria del francese Jeremie Bonnet davanti al coreano Hang Dae Gonn e a Tommaso Preani

Nella sezione viola ancora medaglia d’oro a Valerio Ferron davanti Malina Politi e al giapponese  Key  Kaneko . Infine per  il violoncello vittoria di Bonnet –Stelzer davanti a Key Yakubo

Particolarmente significativa la consegna dei Premi Anlai 2011 al m° liutaio cinese Zhen Quan,  al m°  Pierangelo Balzarini premio alla memoria, ritirato con grande commozione dalla madre, alla dott.ssa Ornella Bellezza direttrice della Casa circondariale di Cremona ( è stato suonato lo strumento Guarneri del Gesù  costruito nel carcere di Cremona ), al giornalista Mario Silla, al m°  Matteo Fedeli, testimonial Aism, “ l’uomo degli Stradivari” , all’assessore alla Cultura del Comune di Pisogne Marina Berlinghieri e alla dott.ssa Alfia Milazzo presidente della Fondazione “ La città invisibile “ di Biancavilla ( Catania ) creatrice di orchestre di giovani secondo il metodo Abreu.

Gli altri premi Anlai  assegnati al cav. Giovanni Arvedi e ad Antonio Bergonzi saranno consegnati a Cremona in una cerimonia che si sta organizzando quello del  presidente della Fondazione Risorgimento Musicale Nella Anfuso sarà consegnato ad Artimino il 22 ottobre durante il convegno dei 150 anni dell’Unità dell’Italia presente il presidente della Repubblica ed infine quello assegnato al presidente  della Ibla Foundation  Salvatore Moltisanti a Ragusa.

Le manifestazioni a corollario  del Concorso si svolgeranno sino al 2 ottobre a Pisogne. Boario terme. Artogne e Esine

In particolare “l’uomo degli Stradivari” terrà un concerto sabato prossimo nella Chiesa di Santa Maria Assunta con un violino  Stradivari del 1726  mentre il giorno successivo e lunedì’ la soprano polacca Dominika Zamora si esibirà in un concerto di musica sacra nelle chiese parrocchiali di Esine e di Pisogne. Le manifestazioni si concluderanno ad Artogne il 2 ottobre p.v. con una conferenza di Cesare Gualazzini sulla costruzione della chitarra classica e con un concerto del m° Lucini.

© Riproduzione riservata
Commenti