2 Commenti

Piante e animali perduti rivivono a Guastalla Nel weekend, kermesse di tradizioni contadine

guastalla

Sabato 24 e domenica 25 la kermesse delle tradizioni contadine. Fiori,frutti antichi e animali da fattoria. Torna il raduno dei tabarri. Anche un tour nelle campagne della Bassa su carrozze d’epoca trainate da una locomotiva a vapore ed escursioni sul Po Attese migliaia di visitatori. Stand da ogni parte d’Italia.

Guastalla –  Torna nel wek end la kermesse più importante dell’anno. Nelle vie e nelle piazze della “capitale della Bassa” rivivranno, sabato e domenica prossimi, “Piante e animali perduti”, maxi esposizione a cadenza annuale che mette in vetrina essenze vegetali ormai rare, frutta e sapori dimenticati,farine e farinacei, vini tipici locali, carni bianche e rosse,  animali provenienti da allevamenti specializzati nella conservazione di specie tpiche,incontri culturali e di spettacolo.

Molte le novità di quest’anno (edizione n.15): ad esempio il primo raduno di nomi e cognomi di fiori e animali. Sono dunque attese tante Rosa, Viola, Margherita ma anche Iris o Jasmine accanto  ai signori Volpe,Rana o Grillo.  Altro raduno curioso è quello riservato al tabarro, giunto ormai alla sesta edizione.All’antico mantello lungo fino a terra, di origini nobili – una storia che risale addirittura agli antichi romani – viene riservato quest’anno una attenzione particolare (persino una sfilata in piazza Mazzini con giuria).

Ma è soprattutto la parata di piante e fiori (ci saranno  tutte le rose del mondo) , il padiglione degli animali oramai rari (ad esempo  la Chianina, razza antichissima, è il bovino più grande che esista; i tori possono raggiungere il peso di 17 quintali per una altezza al garrese di 2 metri;la carne è magra e a basso contenuto di colesterolo) a suscitare ammirazione e “code” di visitatori.

Come sempre l’offerta di formaggi e salumi – ci sono produttori provenienti da ogni parte d’Italia – la farà  da padrona .Così come il miele (sostanza complessa, biologicamente attiva e viva) avrà un ruolo di primo piano.  Nella confinante provincia di Mantova, tanto per citare un territorio ben presente alla kermesse guastallese,    sono presenti ben 4.400 alveari disposti in circa 250 apiari a conferma di quanto il prodotto , presente addirittura con l’uomo neolitico e nel mondo greco-romano che utilizzava il miele per i suoi effetti tonificanti – sia “made in Italy”. Cremona interverrà con le sue eccellenze (torrone, salumi e insaccati). Da Parma è atteso il suino nero, vero capolavoro della natura (se ne erano perse le tracce verso la fine degli anni ’50).

La kermesse rilancia pure il fascino degli antichi mestieri nei campi (che saranno attraversati da un tour su carrozze d’ epoca trainate da una locomotiva a vapore).Oltre 300 gli espositori. (e.p.)

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • paolo costa

    -avrei piacere di avere le foto degli animali “ancora non perduti” presentati nel 2011;
    -nessuna relazione parlava di come cambiare questa tendenza(perdita di genoma):si possono allevare animali di importazione(cervi inglesi ad es.)ma non autoctoni,dar da mangiare ai selvatici visto che nei boschi non ci sono più alberi da frutto (il tasso a montegrotto va a mangiare nei cassonetti),eliminare le esche ratticide che determinano la moria di rapaci notturni e diurni.
    -la possibilità di allevare qualsiasi animale a scopo alimentare per l’uomo (orso ad esempio). Il problema è come gli si dà la morte. Sgozzare gli animali notoriamente allevati per l’alimentazione umana senza stordirli prima è inutile barbarie non scusata da precetti religiosi.Catturare i cinghiali vivi e ucciderli comunque anche senon utilizzabili perchè piccoli, magri, gravide è stupido oltre che criminale.
    Siamo sicuri che chi legifera abbia il ben dell’intelletto?

  • paolo costa

    6
    CremonaPo
    Carelli F & R Snc Ti trovi qui:
    Home EventiViolenta rissa in piazza Marconi nella notte
    Si celebra S. Michele Arcangelo, patrono della polizia
    Voleva vivere all’occidentale, presa a cinghiate
    Finti matrimoni, la vicenda pesa eticamente
    Wim Janssen suona la viola Fiorini del Museo Stradivariano A Cremona diminuiscono gli infortuni
    Lega, raccomandate e procedimento per i disobbedienti
    Indici economico-finanziari positivi per LGH
    Dicarica amianto, Pd: “E le battaglie di Salini?”
    Torchio difende i violini cremonesi dal made in China
    – News Da Cremona Piante e animali perduti
    rivivono a Guastalla
    Nel weekend, kermesse
    di tradizioni contadine
    22 settembre, 2011 // 1 Commento

    Sabato 24 e domenica 25 la kermesse delle tradizioni contadine. Fiori,frutti antichi e animali da fattoria. Torna il raduno dei tabarri. Anche un tour nelle campagne della Bassa su carrozze d’epoca trainate da una locomotiva a vapore ed escursioni sul Po Attese migliaia di visitatori. Stand da ogni parte d’Italia.

    Guastalla – Torna nel wek end la kermesse più importante dell’anno. Nelle vie e nelle piazze della “capitale della Bassa” rivivranno, sabato e domenica prossimi, “Piante e animali perduti”, maxi esposizione a cadenza annuale che mette in vetrina essenze vegetali ormai rare, frutta e sapori dimenticati,farine e farinacei, vini tipici locali, carni bianche e rosse, animali provenienti da allevamenti specializzati nella conservazione di specie tpiche,incontri culturali e di spettacolo.

    Molte le novità di quest’anno (edizione n.15): ad esempio il primo raduno di nomi e cognomi di fiori e animali. Sono dunque attese tante Rosa, Viola, Margherita ma anche Iris o Jasmine accanto ai signori Volpe,Rana o Grillo. Altro raduno curioso è quello riservato al tabarro, giunto ormai alla sesta edizione.All’antico mantello lungo fino a terra, di origini nobili – una storia che risale addirittura agli antichi romani – viene riservato quest’anno una attenzione particolare (persino una sfilata in piazza Mazzini con giuria).

    Ma è soprattutto la parata di piante e fiori (ci saranno tutte le rose del mondo) , il padiglione degli animali oramai rari (ad esempo la Chianina, razza antichissima, è il bovino più grande che esista; i tori possono raggiungere il peso di 17 quintali per una altezza al garrese di 2 metri;la carne è magra e a basso contenuto di colesterolo) a suscitare ammirazione e “code” di visitatori.

    Come sempre l’offerta di formaggi e salumi – ci sono produttori provenienti da ogni parte d’Italia – la farà da padrona .Così come il miele (sostanza complessa, biologicamente attiva e viva) avrà un ruolo di primo piano. Nella confinante provincia di Mantova, tanto per citare un territorio ben presente alla kermesse guastallese, sono presenti ben 4.400 alveari disposti in circa 250 apiari a conferma di quanto il prodotto , presente addirittura con l’uomo neolitico e nel mondo greco-romano che utilizzava il miele per i suoi effetti tonificanti – sia “made in Italy”. Cremona interverrà con le sue eccellenze (torrone, salumi e insaccati). Da Parma è atteso il suino nero, vero capolavoro della natura (se ne erano perse le tracce verso la fine degli anni ’50).

    La kermesse rilancia pure il fascino degli antichi mestieri nei campi (che saranno attraversati da un tour su carrozze d’ epoca trainate da una locomotiva a vapore).Oltre 300 gli espositori. (e.p.)

    Tags:
    animali
    contadine
    cremona
    esposizione
    guastalla
    perduti
    piante
    tradizioni

    Condividi:
    Twitter Facebook Stumble Reddit Digg Delicious Technorati Google Myspace Subscribe to RSS

    1 COMMENTOBy paolo costa, 29 settembre 2011 -avrei piacere di avere le foto degli animali “ancora non perduti” presentati nel 2011;
    -nessuna relazione parlava di come cambiare questa tendenza(perdita di genoma):si possono allevare animali di importazione(cervi inglesi ad es.)ma non autoctoni,dar da mangiare ai selvatici visto che nei boschi non ci sono più alberi da frutto (il tasso a montegrotto va a mangiare nei cassonetti),eliminare le esche ratticide che determinano la moria di rapaci notturni e diurni.
    -la possibilità di allevare qualsiasi animale a scopo alimentare per l’uomo (orso ad esempio). Il problema è come gli si dà la morte. Sgozzare gli animali notoriamente allevati per l’alimentazione umana senza stordirli prima è inutile barbarie non scusata da precetti religiosi.Catturare i cinghiali vivi e ucciderli comunque anche senon utilizzabili perchè piccoli, magri, gravide è stupido oltre che criminale.
    Siamo sicuri che chi legifera abbia il ben dell’intelletto?