Commenta

Wim Janssen suona la viola di Giuseppe Fiorini del Museo Stradivariano

violin

La Fondazione Antonio Stradivari di Cremona annuncia l’audizione di Wim Janssen con la viola Fiorini (1924) del Museo Stradivariano di Cremona. L’evento si terrà giovedì, alle ore 18, nella Sala San Domenico del Museo Civico ala Ponzone.

Il programma giustappone brani di Reger, Bach, Telemann, Campagnoli, Hoffmeister  e Hindemith. Si tratta di opere, come tutte quelle che compongono il corpus solistico per viola, che uniscono a una dottrina tanto più alta quanto più elegantemente occultata  un dono melodico effuso con generosa “largesse”, e nelle quali spesso scorre una linfa di malinconia senza fine. Situazioni musicali così esteticamente diverse e cronologicamente distanti trovavano il fulcro di prestigio nell’abilità di Wim Janssen, che è oggi probabilmente uno tra gli interpreti più rappresentativi a livello nazionale, con tanti anni di carriera alle spalle, che hanno ulteriormente aumentato il suo magistero strumentale perfezionato con i grandi maestri della scuola cameristica italiana. Talché oggi il suono di Janssen ha un  colore suo proprio, ampio e nobilmente brunito, con una tensione di canto e una pudicizia espressiva straordinarie  donde riesce a campire di intensa qualità emotiva le sue esecuzioni.

Programma

Max Reger- Suite  I  sol min Molto sostenuto
Georg Philipp Telemann- Fantasia IX
Bartolomeo Campagnoli- Capriccio 17 Tema con variazioni  in mi min.
Franz Anton Hoffmeister- Studio n° 6
Johann  Sebastian Bach- Suite III – Preludio
Max Reger- Suite I  – Presto
Johann Sebastian Bach- Suite III Bourrée I, Bourée II
Paul Hindemith- Sonata op. 25 n° 1- Tempo velocissimo, feroce, bellezza di suono è secondaria

 

Wim Janssen
Nato in Olanda, si è diplomato al Conservatorio di Milano con Paolo Borciani (primo violino del Quartetto Italiano) e si è specializzato con Piero Farulli a Firenze. Nel 1973 ha iniziato la sua attività artistica con una lunga serie di concerti in tutte le formazioni cameristiche (dal Duo all’Orchestra da camera) in Europa, Turchia, Bangladesh e Messico.
Ha realizzato importanti registrazioni radiofoniche, televisive e discografiche collaborando con interpreti prestigiosi (Cathy Berberian, Antohony Pay, Pervase de Peyer, Pierre Perlot, David Geringas, Antonio Ballista). Ha suonato come prima viola nell’Orchestra Sinfonica della RAI di Milano, nell’Orchestra “Toscanini”, “Pomeriggi Musicali”, e “Brabants Orkest” di Eidhoven.
Come viola solista ha effettuato una tournée in Giappone eseguendo musiche di artisti giapponesi. Membro della Giuria del Concorso Internazionale di liuteria “Stradivari” (Cremona), è stato uno dei soci fondatori del “Gruppo Musica Insieme” e della rassegna “Spazionovecento”.

 

© Riproduzione riservata
Commenti