Commenta

Tagli alla sicurezza, sindacati di polizia pronti alla protesta

polizia

Il Governo taglia, la polizia protesta. I gridi d’allarme dei sindacati continuano ad essere inascoltati. E chi deve garantire legalità e sicurezza dei cittadini è costretto a far fronte a situazioni sempre più complicate nelle quali portare avanti ogni giorno il proprio lavoro. Una nuova protesta di piazza è alle porte. Anche a Cremona. Il rischio è la paralisi delle attività. In un settore importante come quello della sicurezza, mancano mezzi, manca la benzina, mancano le divise.

“Alla luce degli ulteriori tagli alla sicurezza operati dal Governo – si legge in una nota del segretario provinciale del Sap di Cremona, Gianluca Epicoco – martedì 18 tutti i sindacati di Polizia scenderanno in Piazza in tutte le città d’Italia per protestare contro le sforbiciate lineari che il Governo sta operando nel delicato settore della sicurezza, tagli che stanno di fatto rischiando di paralizzare l’attività delle forze di Polizia su tutto il territorio Nazionale con carenze di mezzi, di logistica, di benzina, di divise ecc.”. Un gesto eclatante, per rispondere a una situazione allarmante: i sindacati si preparano a ‘chiedere la carità’, “domandando ai cittadini di contribuire ad acquistare la benzina per le ‘Volanti’ o i pezzi di ricambio per le auto ferme da mesi nelle officine”. “A Cremona – prosegue la nota del segretario provinciale del Sindacato autonomo di polizia – il presidio si svolgerà davanti alla Prefettura dalle ore 10.00 alle ore 12.00 con la distribuzione di volantini alla cittadinanza per sensibilizzarli sulle delicate tematiche che si ripercuotono inevitabilmente su tutta la collettività. I fatti accaduti a Roma testimoniano in maniera tangibile quanto sia importante in questo momento storico mantenere efficiente l’apparato della sicurezza in Italia. Continuare con i tagli non farà che produrre risultati deleteri per tutti”.

Michele Ferro


© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti