Commenta

A Solarolo Monasterolo, il nuovo ostello “La Canonica” della Diocesi di Cremona

ostello

Domenica 13 novembre, alle ore 15, a Solarolo Monasterolo (frazione di Motta Baluffi) sarà inaugurata “La Canonica”, il nuovo ostello per la gioventù ricavato nella vecchia casa parrocchiale di via Chiesa 3, ormai disabitata. Una struttura pensata dal parroco, don Davide Ferretti, che ha deciso di convertire la vecchia canonica in un ostello cogliendo l’occasione di un bando regionale che offriva sostegno per questa tipologia di interventi. Dopo un anno di lavori, grazie anche ai contributi della Diocesi di Cremona, la struttura, situata nella tranquilla campagna cremonese a due passi dalle rive del Po, è ora pronta ad accogliere i ragazzi con l’obiettivo anche di diventare un luogo di aggregazione utile ai gruppi parrocchiali per ritiri o incontri prolungati di riflessione.
L’edificio, ubicato tra la chiesa e il teatrino parrocchiale, è parte di un ampio complesso che si pensa fosse in origine un monastero degli “Umiliati”, da cui il toponimo della località. Poi trasformato in una cascina a corte chiusa, tipica della campagna cremonese. La struttura, che vanta un vigneto racchiuso tra le mura,  è dotata di camere moderne e funzionali, per un totale di venti posti letto; alcune stanze sono dotate di bagno privato mentre le altre si appoggiano ai servizi in corridoio. Al piano terra si trova la cucina, la sala riunioni e un salotto.Le tariffe, che rientrano nella media degli ostelli, vanno dai 14 ai 20 euro a testa, in base alla tipologia di camera, comprendono anche la possibilità di utilizzare la cucina e il parcheggio. Previsti prezzi speciali per gruppi di grandi dimensioni o per l’affitto dell’intero edificio. Ideale per periodi di relax, di studio, di meditazione, l’ostello, pur essendo immerso nella natura, è in posizione strategica per il raggiungimento dei maggiori centri storici del nord Italia e si trova a pochi metri dall’itinerario ciclabile dei Borghi del casalasco.
«La speranza – afferma don Davide Ferretti – è che l’ostello non sia solo punto di ritrovo per famiglie e giovani turisti, ma divenga un reale riferimento per le altre parrocchie, cremonesi e non, come luogo di incontro per ritiri ed esercizi spirituali, momenti di riflessione e convivialità per i ragazzi degli oratori, continuando quindi la missione “cattolica”  che svolgeva in precedenza».
In un periodo di forte cambiamento per la diocesi cremonese, caratterizzato dalla progressiva costituzione di unità pastorali o di aggregazioni tra parrocchie,  le sorti delle canoniche, che rimangono disabitate, rappresentano una nuova e delicata questione da affrontare. Già negli scorsi anni l’ex casa parrocchiale di Villarocca (Pessina Cremonese) era stata riconvertita in luogo per una comunità a tempo gestita da Federazione Oratori e Caritas Cremonese.
Ulteriori informazioni su www.ostellolacanonica.it.

© Riproduzione riservata
Commenti