Commenta

“Disperato” e disoccupato pianifica una rapina Rinvio a giudizio

toga_tribunale_aula

Ha confidato il piano ad un amico, che in forma anonima lo ha ‘girato’ alla polizia. Un 38enne cremonese è stato, così, fermato la mattina del 4 ottobre dell’anno scorso nei pressi della filiale Unicredit di piazza Roma: addosso un paio di forbici, un sacchetto e un foglietto su cui era stato scritto “Consegnate i soldi in quindici secondi e in silenzio”. In questura l’ammissione dell’uomo, da mesi senza lavoro: “Ero disperato”. Accusato di tentata rapina, il 38enne è stato rinviato a giudizio dal giudice Clementina Forleo, così come richiesto dal pm onorario Silvia Manfredi. L’avvocato difensore, Fabio Galli, aveva chiesto il non luogo a procedere: “Non si può processare un uomo solo per le sue intenzioni”. Udienza il 20 febbraio prossimo.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti