Commenta

L’Ospedale di Cremona aderisce a “Un’endoscopia per la vita” Buffoli: «A Cremona mortalità elevata esame endoscopico per prevenire»

endoscopia

Il Servizio di Endoscopia Digestiva dell’Azienda Ospedaliera di Cremona aderisce alla campagna di comunicazione “Un’endoscopia per la vita” che ha preso il via il 7 novembre. La campagna promossa dalla Società Italiana di Endoscopia Digestiva (SIED),che si pone l’obiettivo di informare sul ruolo dell’Endoscopia Digestiva nella prevenzione del cancro del tubo digerente e sensibilizzare i cittadini.

Come spiega Federico Buffoli (Responsabile Servizio di Endoscopia Digestiva dell’Azienda Ospedaliera di Cremona), “fra i tumori, quelli dell’apparato digerente sono al primo posto come incidenza per i maschi (28%) ed al secondo posto per le femmine (26%), dopo il cancro della mammella. Nel territorio della provincia di Cremona, inoltre, la mortalità per i tumori dell’apparato digerente risulta più elevata rispetto alla media nazionale. A fronte di questo dato preoccupante c’è da sottolineare che i tumori hanno sempre un precursore benigno e, se si interviene nelle fasi iniziali del processo tumorale mediante un esame endoscopico, la guarigione è la norma”.

L’endoscopia, nata a fine anni ’50 grazie all’introduzione delle fibre ottiche, è diventata la più importante e la più diffusa metodica per la prevenzione dei tumori dell’apparato digerente: ogni anno in Italia vengono eseguite circa 1.800.000 indagini endoscopiche.

Per saperne di più è possibile scaricare dal sito www.unendoscopiaperlavita.it, un opuscolo semplice ed esaustivo che fornisce informazioni e consigli utili per prevenire questi tumori.

 

© Riproduzione riservata
Commenti