24 Commenti

“I primi a dispiacersi per la sentenza sono stati assessori e consiglieri del Pdl”

evidenza-carpani

Non si dà per vinto: valuta la possibilità di ricorrere al Consiglio di Stato contro la sentenza del Tar, pensa di portare l’argomento in Consiglio Comunale e ‘vuota il sacco’ tirando in ballo il Pdl. Alessandro Carpani, vicesegretario provinciale della Lega e ricorrente sconfitto al Tar, commenta la sentenza di questa mattina.

A dargli lo spunto, il coordinatore cittadino del Pdl, Ugo Carminati. “Se alcuni individui hanno preferito percorrere strade che, come è stato loro ampiamente detto, si sono poi rivelate sbagliate, l’errore è tutto loro”, ha dichiarato Carminati nel primo pomeriggio.

“A Carminati dico che il ricorso non è di Carpani ma della Lega – chiarisce il vicesegretario del Carroccio -. L’ho presentato personalmente solo perché ero parte in causa e quindi l’unico che poteva farlo materialmente”.

Poi la bordata: “Le prime telefonate che ho ricevuto oggi, dopo che è uscita la notizia – dice Carpani – sono state quelle di esponenti del Pdl che si sono detti dispiaciuti per la sentenza. Parlo di consiglieri comunali e di assessori. I primi a seguire i passaggi del ricorso e i primi a dispiacersi della sentenza sono stati proprio esponenti del Pdl: Carminati guardi più in casa sua che non nella Lega”.

Quanto alla sentenza, Carpani non cambia idea: “E’ l’interpretazione del Tar, noi restiamo della nostra idea. Quel comma del regolamento comunale (il passaggio dove si pone il limite del doppio mandato; ndr) è scritto male, sarebbe interessante sentire i consiglieri comunali che all’epoca hanno scritto e approvato il regolamento”.

In primo luogo, prosegue, “per sapere se, come dice il Tar, intendevano escludere le società dagli indirizzi del regolamento stesso”. In secondo luogo, “sul limite dei due mandati, che per noi resta”. “Stiamo valutando, come Lega, di chiedere con un ordine del giorno un’interpretazione autentica del regolamento al Consiglio Comunale – conclude Carpani – e non escludiamo un ricorso al Consiglio di Stato”.

 

Federico Centenari

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • gio

    Il ricorso non è da Carpani ma della Lega: BENE, i primi a telefonare a Carpani dispiaciuti sono stati esponenti del PDL: OTTIMO. Che dire Sig. Sindaco tenga duro perchè con questa ARMATA BRANCALEONE farà fatica ad arrivare a fine mandato. Se ha intenzione di ricandidarsi faccia una bella piazza pulita e stravincerà.

    • silvestro caira

      hai perfettamente ragione, però che si ricandidi col centrosinistra.

      • gio

        una volta i partiti riuscivano a selezionare una classe dirigente oggi non è più così! non basta prendere voti per saper fare politica e purtroppo oggi si costruisce una società con i mattoni che si hanno. Il declino è inevitabile e trascinerà i mediocri. Un movimento come la Lega ha illuso molto e i risultati che raccoglierà faranno riflettere questa classe dirigente che non potrà più improvvisare ne affascinare con slogan ormai superati. riflettete se il vostro modo di agire è corretto, ma non tra voi stessi con gli elettori. Autoreferenziarsi non vi porta da nessuna parte.

        • bruno

          “una volta i partiti riuscivano a selezionare una classe dirigente”…e’ per questo che siamo finiti sotto il senatore a vita “Monti”…rifletta lei prima di scrivere le sue “massime storiche”.

          • ugo

            sinistrosita` che non hanno significato

          • angela

            una volta i partiti avevano persone competenti da proporre…adesso hanno altro:hanno solo incompetenti;litigiosi;ambiziosi che asseriscono di non esserlo ma dimostrano il contrario;gente che crede che la laurea sia un punto d’arrivo e non un punto da cui partire…forse e’ piu’ per questo che abbiamo Monti al governo.

          • bruno

            …infatti per i risultati economici di oggi dobbiamo ringraziare quelle “persone competenti” di ieri…e’ per questo che hanno dato lo stipendio a vita in qualita’ di “senatore” a Monti…sono gli insegnamenti dei “competenti di un tempo” a cui si ispira anche Perri…

          • angela

            io non ho applaudito a Monti ed anzi sono contrariata xche’ come al solito pagheranno la crisi i “soliti idioti”me compresa…pero’Perri continua a piacermi nonostante le palate di fango che gli tirate…

          • angela

            …e continuo a sperare nel domani xche’ fra ieri ed oggi non saprei chi scegliere :sono in tutti e due i casi dei tumoracci incurabili.

          • bruno

            …anche Perri e’ stato per Cremona un “rimediare con un tumore”…non c’e’ bisogno di buttare fango su Perri, se lo sta facendo da solo: “finti matrimoni”, Albertoni, boicottaggi di promesse elettorali, inciuci con le piccole “caste locali”, tasse per i cittadini e ricompense alte per dirigenti, es. Pasquali, ecc…

          • angela

            evidentemente guardiamo le cose da due punti di vista diversi…io continuo a vedere il segno +

          • bruno

            ..basta chiudere un occhio o tutti e due e il segno sara’ sempre un “piu”, come dimostrano i casi di Monti e di Perri…

          • angela

            …e’ perche’ sono rimasti quelli che hanno gli occhi ben aperti che la lega di Cremona sta’ facendo tante fregnacce? ecco che allora si spiega tutto! I miei complimenti x la perseveranza. Angela non Mim…

          • bruno

            …e’ perche’ ci sono quelli che chiudono uno o i due occhi che Perri e Monti possono fare cio’ che vogliono. I miei complimenti per l’ostinazione, Mim… o Angela.

  • Wilkins Micawber

    Carpani e la politica, il bene pubblico, sono come l’olio e l’acqua

  • Giuda

    Sentenza TAR:
    – che i primi 3 commi descrivono profili ostativi all’accesso alle cariche presso Aziende, Fondazioni, Istituzioni o Enti con l’espressa estensione alle Società (così come ad esempio l’art. 1 comma 1), mentre il comma 4 – che introduce i limiti temporali alla nomina – omette di richiamare gli organismi societari;

    Quindi il ricorso è perso perchè Aem essendo considerata una Società ( e non un ente) non è contemplata nell’art. 2 comma 4 del regolamento comunale.

    Ma adesso viene il bello!!

    Documentazione presentata dal Comune di Cremona contro il ricorso:

    Nella fattispecie, A.E.M. Cremona Spa è appunto una società per azioni e, con riferimento a tali ENTI (ALLORA è UN ENTE!!!), l’intento regolamentare ecc.ecc…

    Giudicate voi, a me vien da ridere!

  • bruno

    Purtroppo, come al solito, anche in questo caso, con i commenti, si finisce con le querelle da condominio: contro Carpani, contro Lega, Perri, mattoni e pietre dure, ecc… Qui invece si dimostra una cosa molto grave che il ricorso della Lega mette in evidenza. Basta spulciare bene le virgole ed i punti di un regolamento, non scritto da “bocconiani”, che delle norme scritte per favorire il ricambio della dirigenza di un ente o societa’ le si possono rivoltare nel loro esatto contrario. Insomma basta nominare un dirigente nel periodo “giusto”, in modo che il suo termine del servizio non coincida con le scadenze dei due mandati di un sindaco, (il sindaco ha solo due mandati a disposizione), che, se l’Albertoni di turno trova i sindaci entranti “compiacenti”, puo’ vedersi rinnovare la sua carica “vita natural durante”, come un “senatore a vita”. E’ questo che ci ha insegnato Perri: come trovare il modo di costruirci i nostri “senatori a vita”. Complimenti Perri!!!

    • angela

      non ce l’ha insegnato Perri:ce l’ha insegnato il ricorso di Carpani.Come si fa presto a reinterpretare le questioni!!!

      • bruno

        …???…”in difesa del parlar chiaro”…vero Mim..cioe’ Angela?

  • ugo

    quelle di gio ovviamente

    • bruno

      Evidentemente credono di prenderci per stupidi aggrovigliandoci in codici e codicilli. Ma il problemma e’ nella sostanza e non nelle “forme” e neanche nelle “formulazioni”. Basta saper leggere per capire che le congetture da “sosfisti” e’ roba da azzegarbugli. Forse questi “signori”, cominciando da Perri, non si rendono conto che nel 2011 e’ un po’ piu’ difficile fregare la “buona fede” della gente onesta.

  • POPOLO vs NOBILTA’

    Nei film in genere vince il più debole perché ha ragione, nella vita non ci sono queste sottigliezze, vince il più forte, quindi Pivetti si tiene vicino il compagno Albertoni, e fa pure la morale: ho vinto, adesso smettetela di rompermi le palle, ho da fare. Finisse qui, invece: questo ricorso è stato fatto da Carpani, non dalla Lega. Finisse qui, invece: Demicheli e Alquati fanno ancora parte della Lega e mi auguro che le cose (i processi disciplinari) possano andare per il verso giusto. Finisse qui, invece prosegue Carminati: con la Lega abbiamo vinto le amministrative e loro fanno comunque parte della maggioranza. Sta però a loro dire come intendono farne parte, soprattutto prendendo atto dei numeri che hanno.
    Se nel Pdl pensiamo di stabilire chi è la Lega e cosa deve fare, nessun stupore che da noi si sia in tre e si litighi per quattro…..

    Cremona 18 11 2011 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • IL BEL PAESE E LA CITTA’
    L’autunno fa cadere e foglie , “ma anche” le speranze del cittadino della strada che auspica sempre di poter vivere in un mondo migliore.
    Cadono tuttavia alcune teste ritenute ben piantate sul collo taurino e sorretto dal fisico tarchiato e ben nutrito.
    E si ricomincia a sperare.
    Abbiamo perso il navigatore principale che si riteneva mandato da ”dio” ( il suo) e dal popolo per risolvere i problemi di questo bello ma sfortunato Paese.
    Non è che si è perso per strada !!
    Gli hanno semplicemente indicato la strada migliore per non aggravare la situazione del Paese , ma anche delle sue aziende.
    Era evidente che il navigatore stava seguendo passo passo anche la situazione delle sue proprietà : qualcuno gli deve aver detto che così non potevano reggere.
    Lui ha capito e ha optato per il male minore.
    Ma si è premurato subito , forse ,di richiedere adeguata protezione in caso di “successione” al comando.
    I segnali lanciati , del tipo “ quando ci fa comodo stacchiamo la spina” sono una sommessa minaccia a chi avrebbe osato tentare assalti sconsiderati ai beni personali.
    Non si sa fino a quando il potere ricattatorio potrà avere successo, ma anche questo dipenderà da quello strato di cittadini che hanno pensato e pensano che se c’è Lui possono stare più tranquilli.
    Il vero problema , ora, è che ,tranquilla , non starà più la maggior parte dei cittadini che nel tempo si è vista privare anche dei supporti più elementari per una vita normale.
    Non staranno tranquilli i “giovani “ che, già in passato abbiamo segnalato come insofferenti verso un potere ottuso : loro sono sempre in contatto con i mezzi di comunicazione moderna e non perdonano più nulla a nessuno.
    Ne va della loro vita e del loro futuro che si prospetta non certo roseo,e lo abbiamo già detto tante volte in passato.
    I nostri giovani hanno ben visto cosa succede sulla sponda sud del mediterraneo ed hanno anche notato il coraggio dei loro coetanei, che , quando sono posti di fronte alla realtà delle loro vite, hanno preso decisioni che lasceranno il segno nella Storia di tutti i popoli.
    Ma quello che succede nel mondo e in Italia non può lasciare indifferenti i cittadini più o meno giovani e che subiscono “gli affronti” dei gestori delle realtà locali.

    Nel nostro piccolo anche a Cremona stanno succedendo fatti che non possono non interessare i giovani ed il loro destino di cittadini.
    I motivi sono tanti, ma proviamo ad elencarne alcuni:
    – il problema dell’acqua pubblica subisce gli sberleffi e gli assalti di qualche piccolo ras di provincia : fino a quando ?

    >>>>>>>>>>>>>>>>>
    – personaggi che si ritengono a torto depositari del comune sentire affrontano le decisioni del sindaco Perri e lo portano al giudizio del TAR: ne escono sconfitti , ma noi ora vogliamo sapere chi paga;
    CHI PAGA ????

    >>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>
    – quanto sopra non è l’elogio del sindaco e delle Sue decisioni: decisioni peraltro assunte sotto l’influsso dei sotterranei della politica ( il nominato presidente dell’AEM non è uscito dal cilindro del prestigiatore, pare, ma da accordi con chi ritiene ancora di poter condizionare la vita della città: fino a quando ?);

    – nonostante i deprimenti risultati delle centraline di controllo dell’aria( sforamenti per la 71esima volta ), si insiste nel lasciare invariato l’assetto del traffico in città: le centraline, se pure mal dislocate, hanno da tempo lasciato pochi dubbi sulla origine dello smog, anche quando i riscaldamenti non sono in funzione;
    – il sig.Salini “ torna a pungere Monti” : ma quando ci fornirà il suo curriculum tecnico, politico e “culturale” in modo che noi possiamo fare un confronto , qualora possibile ?

    – il nostro assessore al bilancio ha in mente progetti del tipo “agenzia Trentino Sviluppo” e si domanda quali aziende possono interessare il privato : gli rispondiamo noi , sono quelle che raccolgono soldi sicuri e quindi guadagnano sempre;
    – il vero problema è sempre “chi” amministra queste realtà economiche : quindi è un problema di persone non solo di assetto amministrativo ( altrimenti dicasi : chi sceglie queste persone ? ).
    Per ora fermiamoci qui.

  • Piergiorgio

    Mi riferisco alla querelle sul presidente aem per chiedere alla lega e al sig. Carpani di smettere di occuparsi di quiestioni di poltrone. Ci sono altre cose ben più importanti da sostenere!!!!!! La lega è caduta in basso tanto da assomigliare al”carugnin de l’uratori” (detto in cremonese)