Un commento

Addio alla sosta selvaggia sui sagrati delle Chiese Le misure adottate dalla Giunta

san-sigismondo

Sosta indisciplinata sui sagrati delle chiese, addio. Su proposta dell’assessore ai Lavori Pubblici Francesco Zanibelli, la Giunta ha approvato l’adozione di opportuni provvedimenti, dopo che alcuni sacerdoti avevano fatto presente al sindaco Oreste Perri, in visita nelle parrocchie cittadine, l’esistenza di questo problema. Verranno eseguiti interventi di riqualificazione dei sagrati e dello spazio pubblico prospiciente le facciate di tre chiese cittadine,  San Sigismondo, San Bassano e San Vincenzo, basati sulla delimitazione e l’organizzazione razionale delle aree pertinenziali di questi luoghi di culto proteggendoli dalla sosta disordinata o regolata in modo inadeguato.

Chiesa di San Sigismondo – E’ prevista la regolamentazione della sosta posta a cintura di largo Bianca Maria Visconti tracciando, con segnaletica orizzontale, 12 stalli con sosta libera ed uno spazio riservato alle persone con ridotte capacità di movimento. Questo permette di orientare in modo chiaro la disposizione dei veicoli che attualmente non hanno una collocazione precisa, soprattutto nei giorni di maggiore afflusso.

Chiesa di San Bassano – L’intervento presso l’antica chiesa di San Bassano si basa sulla delimitazione del perimetro della stessa. In particolare è prevista la posa di una decina di paletti metallici di fronte al sagrato e nella zona absidale di via della Torre. Si tratta di interventi che permetteranno ai fedeli o ai semplici visitatori di raggiungere l’interno della chiesa senza gli ostacoli creati dalle vetture.

Chiesa di San Vincenzo – In questo caso saranno realizzati piccoli interventi mirati, in particolare, delimitazione dell’intero sagrato lato via Palestro e lato via Fondulo con la posa di circa 20 paletti metallici; realizzazione di un stallo per persone con ridotte capacità di movimento ricavato longitudinalmente in via Palestro; realizzazione di uno scivolo nel marciapiede di via Palestro per consentire l’accesso ai veicoli nel cortile dell’ex media Campi; spostamento dell’attuale attraversamento pedonale arretrandolo verso l’incrocio con via Fondulo e protezione dello stesso con transenna parapedonale.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • angela

    Come al solito per intervenire serviva un “grave episodio”.