17 Commenti

Scritte, la città sotto assedio Imbrattati i leoni del Duomo

leone10

Hanno imbrattato i leoni del Duomo. “Me, me”, “If you lovely someone”, “Maria stella riforma tua sorella”. Scritte in nero sulla parte posteriore dei leoni stilofori, scolpiti da Giovanni Bono da Bissone intorno al 1283. Sul marmo rosso di Verona, parole o firme spesso senza senso, spesso indecifrabili. Il leone di destra che tiene quello che sembra un orso che a sua volta morde il collo di un uccello, è il più sfregiato. Le scritte arrivano fin sulla base e sulla pancia. Meno rovinato quello di sinistra che trattiene tra un drago, simbolo del male. Tra le zampe, poi, pacchetti di sigarette e avanzi di tramezzini.
Sono ridotti così gli splendidi leoni della Cattedrale che da secoli fanno la guardia ad una delle piazze più belle d’Italia. Vandali di uno dei simboli della città sarebbero buona preda delle famose squadre antidegrado, assenti dalle strade cittadine. Il fenomeno delle scritte sui leoni è solo un esempio di una tendenza mai terminati tra le strade cremonesi. Grosse scritte, infatti, campeggiano in via Palestro sui muri di scuole e di palazzi, o in via Baldesio, a due passi dal municipio, sotto il portico che da piazza del Comune arriva a in piazza Stradivari o ancora in piazza Sant Agostino, gioiello di arte e di storia sfregiato negli anni e non ancora ripulito. Da luglio, da quando Cremonaoggi proprio dalla piazzetta adiacente la Chiesa ha denunciato il degrado (guarda il video), infatti, nulla è stato ancora fatto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Lucy

    Squadre antidegrado? Vigili di quartiere? Vigili nel centro storico?
    Se si fanno 4000000 di euro di multe (Corada 2008: 1600000 euro) non si possono avere a disposizione forze per fare prevenzione e sicurezza, considerando anche il fatto che negli ultimi 2 anni e mezzo una quindicina di vigili hanno avuto la mobilità in altre sedi.
    Ormai la polizia locale serve per fare cassa, se no si sfora il patto di stabilità ecc.ecc., per questo questi “cari” amministratori in 2 anni e mezzo hanno aumentato il prelievo nelle tasche dei cittadini (multe, tasse, tariffe) fino a 7000000 euro! Bastava mettere il primo che passava per la strada e le scelte erano le stesse.
    In cambio di cosa? Se non fosse stato per piazza Marconi (Cav. Arvedi: GRAZIE!), nulla di nuovo rispetto al passato.
    Che strano centrodestra, fotocopia del centrosinistra!

  • più terra terra: quando si permette ai ragazzini di giocare a calcio in faccia al Duomo, non ci si dolga se, cresciuti, si inventano artisti….

  • Achille

    Abbiamo un imponenete apparato di videosorveglianza …
    Abbiamo i carabinieri “di quartiere” …

    Abiamo anche chi si permette di rapinare una banca in piazza del Duomo restando ad oggi impunito ….

    • Lucy

      Rapine, aggressioni, vandalismi, di giorno e di notte, tutto questo sia in pieno centro sia in periferia.
      E la prevenzione? La sicurezza?
      Ma PDL, FLI e UDC che fanno? Ah sì, prima le multe poi…si vedrà!

  • anche tu Silla….come resistere alla tentazione di toccare un sedere tanto bello!

  • Edmond Dantès

    Sono stati segnalati dai carabinieri i 3 ragazzi che hanno imbrattato tutta Cremona con la scritta ADS (almeno un centinaio di scritte solo nel Centro Storico attribuibili a loro 3), eppure hanno dovuto cancellare solo un paio di scritte fatte la sera dell’ “arresto”…
    Quindi ne vale la pena arrabbiarsi, farsi “il sangue amaro” quando sai che tanto rimarranno impuniti?

    • elia

      hai ragione

  • Marco

    Se vi dico che il responsabile abita al boschetto lo andiamo a prendere??

    • antonio

      Da anni sono un educatore di strada (tramite cooperative addette) e purtroppo conosco benissimo gli autori dell’imperdonabile sfregio!
      Sono tre, e di loro conosco nome cognome e “nick name”!!!
      Non esitero’ domani a far presente queste mie informazioni alle autorita’ competenti affinchè vengano presi provvedimenti!!!
      Solo una nota per Marco (primo commento della lista): nessuno dei colpevoli dell’indegno atto abita al boschetto quindi prima di muovere accuse senza certezza alcuna prestiamo attenzione!!
      P.S. Amo la mia città e molti ricordi della mia infanzia sono legati a quei due meravigliosi leoni…non dubitate…denuncero’ l’accaduto a chi di dovere!!

  • i leoni sono di tutti

    E se vi dicessi che i vostri commenti sono più offensive delle loro scritte?

    Il vuoto culturale soppiantato dal calcio e dai soldi (grazie Arvevi!) non può che generare vandalismo e inquietudine, bisognerebbe capire la ragione dei gensti di una generazione sempre più nichilista e non condannarne gli effetti. I vostri commenti/articoli sono l’espressione più imbarazzante del finto interesse al bene comune.

    “Le nazioni sono colte dall’insana ambizione di perpetuare la propria memoria grazie alla quantità di pietre scolpite che si lasciano dietro; gran parte della pietra che una nazione lavora, serve a farne la tomba. SI SEPPELISCE VIVA.” Henry David Thoreau

  • elia

    i vandali grafomani, sono rappresentati da tanti coglioni che sfregiano i monumenti perché sanno che in Italia [[paese del bengodi ,tutto è ammesso e la gente se li vede gira la testa dall’altra parte ,è inutile che ci scandalizziamo noi Italiani siamo sopranomminati il popolo bue quindi è inutile di fingere di scandalizzarci fa parte del nostro DNA, la filosofia del vivi e lascia vivere , e chi se ne frega se i vandali imbrattano basta che non imbrattino a casa nostra ,con un popolo con cosi tanti ciglioni cari signori dove crediamo di andare, nel mondo intero siamo considerati inaffidabili, pressappochisti e falsi che nemmen0 d’innanzi alle telecamere che testimoniano le nostre ruberie continuiamo a negare ,vedi le trasmissioni di striscia la notizia .

  • Annamaria Menta

    Che tipo di ‘rispetto’ e ‘cultura’ si può pretendere quando “il buon esempio” viene dall’alto (alto, insomma…)?

    Nessuno si ricorda dell’orrido maxi schermo che ha deturpato (per scopi meramente pubblicitari, come se non bastasse il martellamento quotidiano, in pubblico come in privato) la già martoriata piazza Stradivari? Nessuno vede più gli squallidi totem che, con la scusa di ‘promozionare’ la città, hanno per mesi pubblicizzato un supermercato (ovviamente sul lato più visibile del catafalco)?

    Questo per citare solo un paio di esempi di ‘assedio’, ormai quasi del tutto ‘digeriti’ dai cittadini. L’inciviltà (quella in ‘giacca e cravatta’, che pensa che tutto è permesso a chi allarga i cordoni della borsa, come quella ‘graffitara’) ha molti livelli, come si possono educare i giovani (e mica solo quelli…) se mancano le basi?

    …Per non parlare del nuovo “brand” (sic!) della città di Cremona…Nessuno ha informato chi di dovere che Cremona il suo “brand” (sic!) lo ha già da un pezzo, ovvero lo stemma del Comune? Che rappresenta TUTTA la città, non solo Stradivari e il violino (mal) stilizzato.

  • Nando

    Ma per una volta potremmo tralasciare destra, sinistra, centro e periferie varie e concentrarci sull’accaduto?
    Sono episodi che non possono avere giustificazione!
    Troviamo gli autori e facciamogliela pagare cara!

    • Edmond Dantès

      Esattamente, uno che scrive sui muri può essere di centro, di sinistra, di destra o anche anarchico. Non è questione di politica, ma di civiltà. Uno se è un incivile, lo è indipendentemente dallo schieramento politico di cui fa parte e dal credo religioso e quant altro.
      Questi ragazzi dovrebbero pagare una bella ammenda e ripulire, a loro spese, tutti i muri imbrattati da loro.
      Non è possibile che l’istituto Anguissola debba ripitturare mensilmente le pareti per colpa di writers o che qualche privato si trovi l’abitazione rovinata da inutili scritte.
      Vogliono esprimere la loro creatività?! Bene, prendano un bel foglio di carta formato A3 e tanti pennarelli o se proprio vogliono scrivere sui muri lo facciano a casa loro o per lo meno su qualche edificio abbandonato e isolato.

  • Marco

    Ma nessuno le ha mai notate prima? I leoni sono cosi da anni!!! Inutile adesso fare i difensori del popolo su facebook o sul web in generale..Svegliatevi fuori prima la prossima volta..

    • Edmond Dantès

      Le scritte sui leoni probabilmente sono lì da anni (FORSE), ma le scritte sui muri dell’Anguissola, dell’ex Campi, del Ghisleri, di villa Calciati, del ponte del cimitero, (se vuoi continuo) sono state fatte nelle ultime 2 settimane. Le scritte in piazza Stradivari (lato libreria Mondadori e sotto i portici della ex banca), sui cartelli stradali in via largo Boccaccino, ecc sono state fatte massimo 2 mesi fa.
      Noi ci siamo svegliati da un pezzo. Ne parliamo adesso perchè è stato pubblicato ora questo articolo e perchè ultimamente c’è stato un dilagare di inutili (e veramente brutte) scritte in città.

  • Daniele Le Parche

    Sono gesti che non possono essere tollerati, imbrattare il patrimonio di Cremona e dell’umanità intera è sbagliatissimo, perchè oltre a mancare di rispetto all’intera comunità, si manca di rispetto alla nostra storia.
    E su questo non ci sono dubbi.
    Pure le scritte in giro per la città sono un problema, ma credo che soluzioni pratiche potrebbero esser adottate in tempi neppure così biblici.
    L’amministrazione deve rendersi conto che vi sono giovani artisti ai quali le ali non vanno tarpiate ma bensì aiutati nell’esprimere il loro potenziale, mettendo a loro disposizione edifici obsoleti ai quali ridare vita con un pò di colore. E con l’espressione colore non intendo le scritte antiestetiche e volgari ben visibili in via Palestro, ma di vere opere d’arte urbana che si possono ammirare in tutti quei luoghi dove le varie amministrazioni si son rese conto che i giovani non vanno combattuti, ma bensì capiti.