Commenta

Rilascio e rinnovo permesso di soggiorno, importi del contributo

Immigrazione

Attraverso una nota la questura comunica l’ammontare (e la modalità di pagamento) dei contributi per il rilascio e il rinnovo del permesso di soggiorno stabiliti dal Decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 304 del 31 dicembre 2011. Escluse dal versamento cinque categorie di stranieri.

IL COMUNICATO

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 304, del 31 dicembre 2011, è stato pubblicato il Decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze, di concerto con il Ministero dell’Interno, del 6 ottobre 2011 (clicca) volto a dare attuazione al disposto dell’art. 5, comma 2 ter. del decreto legislativo n. 286/98 e successive modifiche, concernente il contributo economico che gli stranieri devono versare per il rilascio/rinnovo del permesso di soggiorno.

Nel citato provvedimento, all’art. 1 vengono stabiliti gli importi dovuti dallo straniero, la cui entità varia in relazione alla durata dell’autorizzazione al soggiorno, come di seguito riportato:

a) euro 80 per i permessi di soggiorno di durata superiore a tre mesi e inferiori o pari ad un anno;

b) euro 100 per i permessi di soggiorno di durata superiore ad un anno e inferiore o pari a due anni;

c) euro 200 per il rilascio del permessi di soggiorno Ce per soggiornanti di lungo periodo e per i richiedenti il permesso di soggiorno ai sensi dell’art. 27, comma 1 lett. a) del decreto legislativo n. 286/98;

Sono escluse dal versamento del contributo, ai sensi dell’art. 3, le sottonotate categorie di stranieri:

a) stranieri regolarmente presenti sul territorio nazionale di età inferiore ai 18 anni;

b) stranieri di cui all’art. 29, comma 1, lett. b) del decreto legislativo n. 286/98 (figli minori che fanno ingresso per ricongiungimento familiare);

c) stranieri che fanno ingresso in Italia per cure mediche e loro accompagnatori;

d) stranieri richiedenti il rilascio e rinnovo del permesso di soggiorno per asilo, per richiesta asilo, per protezione sussidiaria, per motivi umanitari;

e) stranieri richiedenti l’aggiornamento o la conversione del permesso di soggiorno in corso di validità.

Vale sottolineare che il contributo in parola si va ad aggiungere agli oneri già a carico dello straniero relativi al costo del permesso di soggiorno elettronico, nonché alle spese relative all’accettazione delle istanze presso gli uffici postali e dell’imposta di bollo, che non subiscono variazioni.

L’onere del pagamento del contributo riguarderà le istanze presentate a partire dal 30 gennaio 2012.

Il pagamento dovrà essere effettuato dallo straniero attraverso gli attuali bollettini PSE (codice 674 sul C/C 67422402) che prevedono la presenza di un CODICE di CONTROLLO di 10 cifre.

La ricevuta rilasciata dall’Ufficio Postale dopo il pagamento dovrà essere allegata all’istanza in fase di spedizione del kit cartaceo presso uno Sportello Amico di Poste Italiane.

Se l’importo versato è inferiore rispetto a quello dovuto, la trattazione della istanza verrà sospesa in modo da consentire al richiedente l’integrazione dell’importo presso un ufficio postale Sportello Amico.

INFORMAZIONI SUL SITO

Tutte le informazioni sono presenti sul sito internet della questura: questure.poliziadistato.it/Cremona (clicca)

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti