Un commento

Mai così alto l'inquinamento (media 156 microgrammi) Partita la biciclettata di protesta

Biciclette

Il volantino della protesta

AGGIORNAMENTO – Ha preso il via attorno alle 15,30 la bicicletta anti-smog. Dal piazzale davanti al comando della polizia locale partite oltre un centinaio di persone, in bicicletta, che stanno percorrendo le strade della città e arriveranno in piazza Roma.

Mai così alto l’inquinamento in città e nelle zone limitrofe. Le centraline superano o si avvicinano al triplo del valore limite di 50 microgrammi al metro cubo consentito per legge all’Unione Europea. Quelli odierni (riferiti alle 24 ore precedenti) sono i dati più alti dall’inizio dell’anno. 156 è la media delle Pm10 nell’area 1 (Cremona e comuni confinanti). La centralina più elevata è quella di Spinadesco (172 microgrammi al metro cubo). In città, il rilevamento in via Fatebenefratelli è di 154 microgrammi, quello in piazza Cadorna 149, quello in via Gerre Borghi 148. Valori davvero alle stelle che rendono l’aria irrespirabile e che hanno fatto superare in un mese e mezzo i 35 giorni oltre i limiti consentiti in un anno dall’Ue.
Oggi alle 15.30 (ritrovo ore 15 a porta Venezia, parcheggio Vigili) ciclisti mobilitati per la biciclettata di protesta per le vie della città contro lo smog. Un percorso di un’ora per chiedere al Comune provvedimenti immediati contro lo smog e a favore della ciclabilità e per incentivare i cremonesi ad abbattere la pigrizia e ad abbandonare le auto a favore della bici. Un corteo su due ruote da porta Venezia a piazza Roma perché “son bravi tutti a usare la bicicletta solo d’estate”.
Ad organizzarlo Fiab con ARCI, ACG controtempo, Partecipolis, WWF, LUCI, Lapisvedese, Cremonapalloza, Circolo Culturale Ambientescienze, Legambiente, Gruppo Acquisto Solidale Cremona, Filiera Corta Solidale, Comitato Beni Comuni, ANPI, Cremona nel mondo, Creafuturo, Forum Ambiente Giovani, Coord. Comit. Ambientalisti Lombardia, Comitato No strada sud, Lipu, ISDE – MEdici per l’Ambiente, Rete Lilliput, Giovani Democratici, PD, SEL, Federazione della Sinistra, FdCA/Alternativa Libertaria, Movimento 5 stelle, Ecologisti e Reti Civiche, Comitato Salviamo il Paesaggio cremonese, cremasco e casalasco.
L’iniziativa su due ruote arriva il giorno prima del blocco totale del traffico in città che resta un “palliativo” – seppur valido dal punto di vista della sensibilizzazione – per la risoluzione del problema. Lo stop alle auto indetto per domenica è la misura adottata a seguito del piano d’intesa tra Comune e nove sindaci del territorio, dopo dodici sformanti consecutivi delle soglie.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Mario

    Il blocco dovrebbe essere effettuato TUTTI I GIORNI. I bimbi possono andare a scuola a piedi (come una volta quando non c’erano i SUV che li accompagnavano in aula)e chi lavora in centro può parcheggiare in periferia e farsi quattro passi (da porta Venezia a porta Po tempo max 20 minuti). Ma i nostri amministratori sono forse più preoccupati per gli eventuali voti persi per una simile decisione che della salute dei cittadini?