3 Commenti

Mentre il Comune prende tempo la Galleria ha deciso di far da sé Grandi pulizie, rimozione del guano e reti antipiccione

galleria1

– FOTO FRANCESCO SESSA

Il condominio della Galleria 25 aprile ha deciso di far da sé. Sono così partite le grandi pulizie della galleria cremonese con la rimozione di enormi quantità di guano di piccioni, il lavaggio delle coperture che danno luce all’interno, il ripristino di alcune porzioni di copertura mancanti, la rimozione di vasi di piante secche. Nei prossimi giorni saranno anche collocate grandi reti agli ingressi per impedire l’accesso di piccioni all’interno della galleria. Da tempo è stato segnalato (anche con un video che abbiamo realizzato questa estate che potete vedere nel link) il grande degrado dello stabile. Dopo aver vanamente atteso che il Comune facesse proprie le istanze dei condomini, l’amministratore – sentita l’assemblea dei condomini – ha deciso di partire. Anche perchè tra qualche settimana aprirà i battenti sotto la galleria la nuova farmacia centrale che dovrebbe portare nuova attenzione e movimento di gente sotto la grande struttura progettata nel 1930 dall’ingegnere Nino Nori. L’assessore Carlo Malvezzi un paio d’anni fa aveva annunciato la volontà del comune di chiudere con vetrate la galleria cremonese prendendo a modello la galleria Colonna (ora Alberto Sordi) di Roma. Probabilmente, al di là degli annunci, non se ne farà nulla anche perchè il Comune non ha alcun potere di intervento sulla Galleria (privata, di proprietà del condominio) e l’ultimo accordo tra municipalità e Ina assicurazioni risale nientemeno che al 1930, dopo di che non esiste traccia di accordi di sorta con il Comune. Ora il condominio ha deciso di intervenire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Ma il sig.sindaco non ha fatto lì la festa della vittoria ???!!
    Dove farà la prossima festa , se non farà pulizia anche Lui ??!

  • Alessandro

    Bene!

  • Paolo Mantovani

    La galleria è un condominio e come tale deve provvedere da solo alla manutenzione. Il comune, se non ricordo male, ha l’obbligo della pulizia ordinaria.
    Diverso il problema della riqualificazione. Ritengo che, senza addentrarsi in improbabili chiusure con vetrate, restaurare l’immobile, riportandolo alle condizioni originali di pulizia e illuminazione, con tanto di lampadari di Murano, sarebbe più che sufficiente.
    Sarebbe bello cercare e ripubblicare le fotografie dell’inaugurazione (Fazioli?).