Cronaca
Commenta6

Da mercoledì targhe alterne in città Il sindaco ha firmato l'ordinanza Si comincia con quelle pari

Da oggi (mercoledì 22 febbraio) a Cremona entreranno in vigore le targhe alterne. Il regime restrittivo per la circolazione varrà dalle 9 alle 18, tutti i giorni feriali (dunque esclusa la domenica). La decisione arriva dopo diciassette sforamenti consecutivi del livello limite delle pm10 e il diciottesimo (quello odierno) sul filo di lana con la media dei valori dell’area 1 esattamente a 50 microgrammi al metro cubo. Il provvedimento nasce dal protocollo d’intesa firmato da Comune di Cremona e nove municipi limitrofi. L’area interessata dalla misura è l’intero territorio del Comune di Cremona, dalle 9 alle 18 di ogni giorno, fino a cessata esigenza. Nei giorni pari potranno circolare le targhe pari; in quelli dispari le targhe dispari. Si parte dunque con le targhe pari, le uniche che potranno circolare mercoledì. Il provvedimento durerà fino alla cessazione dell’emergenza, ossia fino a che le polveri non ritorneranno sotto la soglia per due giorni consecutivi.

Lo stesso provvedimento scatterà a Brescia e ai comuni dell’area critica.

Ecco la nota diffusa dal Comune, in attesa del testo vero e proprio dell’ordinanza.

“A causa del superamento per oltre 18 giorni consecutivi della soglia di attenzione del PM 10 nell’area A1, nel primo pomeriggio di oggi il sindaco Oreste Perri ha firmato l’ordinanza che dispone l’istituzione della circolazione a targhe alterne su tutto il territorio del Comune di Cremona a partire da mercoledì 22 febbraio 2012, dalle 9 alle 18, di ogni giorno feriale, fino a cessata esigenza. Il provvedimento è stato preso per contribuire alla riduzione dell’inquinamento atmosferico così come previsto dal protocollo d’intesa siglato in Prefettura il 31 gennaio scorso. Per le modalità di attuazione e i particolari si veda il sito del Comune di Cremona all’indirizzo www.comune.cremona.it. Seguirà a breve il testo dell’ordinanza”.

In verde i percorsi consentiti

L’ordinanza


Greta Filippini

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti