Commenta

I trenta ragazzi del Servizio Civile nella Sala dei Quadri per l'incontro con sindaco e Giunta

servizio-civile

Nella Sala dei Quadri di Palazzo Comunale, il sindaco Oreste Perri e la Giunta Comunale con il Dirigente al Personale, Maurilio Segalini, hanno incontrato i 30 ragazzi che hanno iniziato il loro anno di Servizio Civile nel Comune di Cremona e negli enti esterni. Il Comune di Cremona dal 2003 è ente accreditato di Servizio Civile ed ha fatto compiere questa esperienza a circa 300 ragazzi. A seguito al passaggio di classe effettuato (dalla terza alla seconda), il Comune di Cremona ha potuto realizzare accordi di partenariato con enti esterni quali scuole, associazioni, cooperative, fondazioni. I volontari sono entrati in servizio in Comune di Cremona e negli enti che hanno aderito al sistema di servizio civile nazionale del comune.

Di seguito i progetti attivati con i nominativi dei volontari e la loro sede d’impiego:

Progetto CRESCENDO SI IMPARA: A SCUOLA DI BENESSERE
Chiara Contini – asilo nido Lancetti
Ilaria Cigognini – asilo nido Navaroli
Lisa Pederzani – asilo nido Sacchi
Melania Pasini – scuola infanzia Lacchini
Marco Guarneri – scuola primaria Bissolati
Benedetta Carboni – Laboratorio Cremona dei bambini
Paola Furregoni – Centro Interculturale

Progetto UNIRE I SAPERI
Daniela Valle – Museo Archeologico
Ilenia Araldi – Museo Cambonino
Michele Nazarri – Centro Fumetto “A. Pazienza”
Rossella Pulito – Piccola Biblioteca nel parco
Ludovico Miragoli – Liceo statale Anguissola
Simona Digiuni – Scuola primaria Trento e Trieste
Giulia Stefanoni – Liceo statale Aselli

Progetto  GENER-AZIONE DI LEGAMI
Marta Pecorini – Centro di aggregazione giovanile Ghisiotto
Matteo Cipelletti – Federazione Oratori cremonesi
Andrea Gazzina – Centro ragazzi Iride
Federico Capelli – Azienda speciale per i servizi di formazione CR Forma

Progetto FAI AMICIZIA CON IL COMUNE DI CREMONA
Federica Palmisano – Ufficio Stampa
Alessia Rigoni – Ufficio Servizi al contribuente
Rossana Pirola – Spazio comune
Stefania Pasquali – Ufficio Rapporti di lavoro

Progetto FAMIGLIE AL CENTRO
Marina Tosi – Pois
Concetta Cogne – Pois
Lara Pertica – Pois
Argenteo Penelope – Centro per le famiglie

Progetto UNA CITTA’ DI OPPORTUNITA’: PROPOSTE ED INTERVENTI PER MIGLIORARE LA QUALITA’ DELLA VITA
Arianna Stefanoni – Ufficio Ecologia
Valentina Villa – Ufficio progetti strategici ed Europa
Andrea Bricchi – Agenzia servizi Informagiovani
Mariangela d’Angelo – Ufficio Tempi e orari

Oltre ai 30 ragazzi che hanno preso servizio presso il Comune di Cremona, erano presenti all’incontro anche Iga e Rasa, del Servizio Volontario Europeo (il Comune di Cremona è ente accreditato anche per il Servizio Volontario Europeo che è una azione del programma comunitario Gioventù in azione; è una esperienza di cittadinanza attiva molto simile al servizio civile che coinvolge i giovani cittadini europei in attività varie attraverso l’educazione non formale e la mobilità internazionale) che prestano la loro opera al Servizio Politiche Giovanili  ed una volontaria italiana, Laura, che è stata selezionata per un progetto SVE della durata di un anno in Irlanda.

Il Servizio Civile Nazionale, istituito con la legge 6 marzo 2001 n° 64, – che dal 1° gennaio 2005 si svolge su base esclusivamente volontaria – è un modo di difendere la patria, il cui “dovere” è sancito dall’articolo 52 della Costituzione; una difesa che non deve essere riferita al territorio dello Stato e alla tutela dei suoi confini esterni, quanto alla condivisione di valori comuni e fondanti l’ordinamento democratico. E’ la possibilità messa a disposizione dei giovani dai 18 ai 28 anni di dedicare un anno della propria vita a favore di un impegno solidaristico inteso come impegno per il bene di tutti e di ciascuno e quindi come valore della ricerca di pace. Il servizio civile volontario garantisce ai giovani una forte valenza educativa e formativa, è una importante e spesso unica occasione di crescita personale, una opportunità di educazione alla cittadinanza attiva, un prezioso strumento per aiutare le fasce più deboli della società contribuendo allo sviluppo sociale, culturale ed economico del nostro Paese. Chi sceglie di impegnarsi per dodici mesi nel Servizio civile volontario, sceglie di aggiungere un’esperienza qualificante al proprio bagaglio di conoscenze, spendibile nel corso della vita lavorativa, quando non diventa addirittura opportunità di lavoro, nel contempo assicura una sia pur minima autonomia economica.  Le aree di intervento nelle quali è possibile prestare il Servizio Civile Nazionale sono riconducibili ai settori: assistenza, protezione civile, ambiente, patrimonio artistico e culturale, educazione e promozione culturale, servizio civile all’estero.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti