Commenta

Il gasolio sale alle stelle Si scatenano i ladri Anche sui bus di linea, 30enne arrestato dall'Arma di Casalmaggiore

Gasolio

Sale alle stelle il prezzo del gasolio, che ha raggiunto 1,76 euro al litro. I carburanti continuano a far girare il motore dell’inflazione: la benzina è arrivata al +18,7% e il gasolio al +25,4%. Così, dopo quelli specializzati in furti di rame (l’oro rosso strapagato), sempre più frequentemente in azione ladri e bandi che prendono di mira il gasolio, e che armati di tubi di gomma battono la bassa. Ne sanno qualcosa i carabinieri di Casalmaggiore. Una pattuglia del radiomobile infatti si è attivata intorno a mezzanotte, dopo la segnalazione di un cittadino, per controllare movimenti sospetti intorno agli autobus di linea fermi nel parcheggio nei pressi del cimitero. I militari avevano da poco terminato l‘inseguimento di un’auto guidata da un 20enne siciliano che non si era fermato all’alt in via Bixio verso le 23 (il giovane è stato bloccato alla rotonda Po dopo un tentativo di fuga per le strade della città, dovuto alla mancanza dell’assicurazione, e si è visto ritirare la patente, sequestrare il veicolo, infliggere 950 euro di sanzione e togliere 26 punti, per non essersi fermato, per aver effettuato un sorpasso azzardato e per la scopertura assicurativa). Chiusa quest’attività, è arrivata la necessità di raggiungere il parcheggio per verificare la dritta di un cittadino. Alla luce di qualche passato furto di gasolio commesso proprio in quella zona, i carabinieri si sono mossi in sordina per non scatenare la fuga dei possibili malviventi. Il capopattuglia è sceso dall’auto e si è avvicinato al parcheggio, ha notato un ladro. I militari sono allora piombati davanti a lui beccandolo in flagranza di reato. In arresto è finito un 30enne (G.C.) originario della provincia di Palermo, abitante a Casalmaggiore e già noto alle forze dell’ordine. Stava armeggiando proprio sui bus di linea. Due taniche erano già state riempite di gasolio, con l’ausilio di una canna e dopo la forzatura del bocchettoni del serbatoio (contestato il furto con scasso).

AGGIORNAMENTO – L’uomo, che ha già avuto guai con la giustizia e in passato ha beneficiato anche dell’indulto, è stato processato per direttissima questa mattina. Per lui quattro mesi (pena sospesa). E’ tornato in libertà.

Ma i furti di carburante stanno diventando una vera ossessione. Ne sono stati segnalati in ogni parte della Lombardia. In una cantiere sulla Paullese, nel milanese, in un cantiere della metropolitano, nel bresciano. Nella bergamasca, a Calcinate, alle 2 della notte fra venerdì e sabato i militari hanno bloccato e denunciato a piede libero due romeni, 43 e 48 anni, per furto di carburante in concorso. Nello stesso momento ad Azzano, sulla via Cremasca, sono stati arrestati dai carabinieri di Stezzano un bosniaco di 27 anni e un romeno di 29 per furto. Sono finiti al processo per direttissima. I quattro ladri sono sospettati anche di aver rubato ben 100 litri di gasolio da un camion parcheggiato in via Pertini a Urgnano. Secondo la ricostruzione questo furto è stato messo a segno intorno all’1,45 del mattino. Il mezzo pesante era fermo in un parcheggio.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti