Cronaca
Commenta2

Smog, il Comune: «Ancora targhe alterne» Mercoledì circolano solo le dispari E Cremona è seconda per le polveri

Anche nei prossimi giorni si prosegue con le targhe alterne. Mercoledì 7 circolano solo le dispari, giovedì 8 le pari. Rimane, dunque, in vigore l’ordinanza firmata dal sindaco. La decisione, comunicata alle 17.20, è motivata dal fatto che la media matematica dei valori di pm10, rilevati dalle capannine presenti sul territorio, è superiore ai limiti di legge da oltre 26 giorni, con due interruzioni non significative. La pioggia caduta nella notte tra lunedì e martedì non ha, inoltre, portato particolari benefici e, ad oggi, le previsioni meteorologiche non fanno prevedere cambiamenti significativi. «L’Amministrazione ha pertanto ritenuto di proseguire con il provvedimento adottato – si legge nel comunicato – applicando in tal senso le diposizioni previste Protocollo d’intesa sottoscritto in Prefettura il 31 gennaio scorso».
Intanto, da Legambiente l’ennesimo campanello d’allarme. Cremona è la seconda città italiana per inquinamento. Dall’inizio dell’anno ad oggi, il numero di giorni irrespirabili è salito a quota 47, dodici in più del limite consentito in un anno dall’Unione Europea (35 superamenti). Ci precede solo Parma (52 giorni), mentre seguono Vicenza (46 giorni), Alessandria, Brescia, Verona e Vercelli. Una nuvola di smog sul nord Italia, dannosa per la salute dei cittadini.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti