4 Commenti

Partiti gli studi sul traffico per valutare la Strada Sud Questionari agli automobilisti in via Giordano e Giuseppina

vigili5

Il questionario

– FOTO FRANCESCO SESSA

Partiti gli studi dei flussi di traffico per valutare la costruzione della Strada Sud. Tre giorni di questionari in punti diversi della città. Mercoledì dalle 7.30 alle 10.30 in via Mantova e viale Po, oggi (giovedì) in via Giordano all’altezza dell’incrocio con via Altobello Melone in entrambi i sensi di marcia, venerdì in via Giuseppina. Sei ragazzi, affiancati dai vigili urbani che li supportano nel fermare le auto e gestiscono il traffico, chiedono agli automobilisti la loro disponibilità a rispondere ad un breve questionario. Queste le domande. Da dove arriva? con l’indicazione dell’orario di partenza. Dove è diretto? con l’indicazione dell’orario di arrivo previsto. Frequenza del viaggio (tutti i giorni, 2/3 volte la settimana, 2/5 volte la settimana, altro), motivo del viaggio (lavoro pendolare, lavoro non pendolare, studio, accompagnamento, acquisti, altro), luogo della sosta (parcheggio in struttura, parcheggio bordo strada, altro), modalità di spostamento dal parcheggio (piedi, bus, bici, bike sharing, altro), in questo viaggio ha utilizzato o utilizzerà la tangenziale?, quando si muove a Cremona il problema principale è: traffico in città, traffico fuori città, parcheggio in città, altro. Allo studio, commissionato da Autostrade Centropadane e concordato con il Comune, partecipano la società di Torino TrafficEye srl e la Trt Trasporti e Territorio srl. «Una verifica di natura tecnica, già annunciata, per fare le necessarie valutazioni circa la Strada Sud», conferma il vicesindaco e assessore all’Urbanistica Carlo Malvezzi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Marzio

    questa mattina, come sempre alle ore 7.45 transito incolonnato per via Giordano diretto verso il centro città, arrivato all’altezza del bivio con via Argine Panizza super frenata perchè ho le macchine che mi precededono a loro volta frenano bruscamente…..credendo fosse successo un incidente noto la Polizia Municipale con tanto di paletta che faceva accostare le autovetture….io totalmente all’ocuro del sondaggio, credo che stiano facendo controlli a campione, come già fanno, sui possessori di autovetture, nell’altro senso di marcia pure tanto di Polizia Municipale, tanto di paletta ecc…ecc…solo adesso scopro che tutto questo serviva per effettuare un sondaggio a campione per la realizzazione della strada sud….Una domanda mi pongo, ma era il modo più corretto per effettuare il sondaggio, mettendo oltretutto a repentaglio l’incolumità delle persone che ogni mattina trasitano per quella strada incolonnati come formiche? Io questa ho rischiato e per fortuna avevo già portato le mie figlie a scuola!!! Mi domando quale mente eccelsa abbia prima proposto e poi appovato questo metodo!

    • Enrico

      Da studente di Ingegneria posso dire che per le indagini Origine/Destinazione questo metodo è quello più utilizzato da sempre e in ogni città. Avvisando la popolazione si sarebbe andato incontro a variazioni dei normali itinerari di viaggio di alcuni utenti anche perchè, onestamente, nessuno è sempre felice a rispondere ad un questionario (e stamattina è capitato molto spesso) e quindi tende ad evitarlo.
      Il problema principale di questa mattina è stato certamente il poco spazio presente nelle 2 postazioni per la sosta delle automobili, ma di questo non si può dare colpa nè ai rilevatori, nè ai Vigili Urbani, nè a chi ha ideato la campagna. Via Giordano è una zona interessata dalla costruzione della nuova infrastruttura e quindi è stato considerata giustamente un rilevante nodo di indagine.

      • Marzio

        Caro Enrico tutto giusto e tecnicamente perfetto dal punto di vista delle logiche di studio ma a volte però bisogna anteporre a queste logiche il BUON SENSO. Come hai fatto notare la strada in quel punto è stretta, tra biciclette saltano fuori all’improvviso, le automobili in sosta cercano di immettersi in corsia, perchè tutti a quell’ora devono andare a lavorare. Pertanto un’operazione di quel tipo in quella strada non ha fatto altro che peggiorare una situazione già di per sè pericolosa tutte le mattine. Dico solo che se volevano fare un sondaggio magari dovevano valutare meglio la logistica onde evitare di far danno e meno male che non è successo niente….., lì in quel posto è molto pericoloso per tutti anche per coloro che devono fare quel tipo di rilevazioni.

  • Pasquino

    Quando la smetteranno di prenderci in giro ? Affidare a Centropadane il sondaggio è semplicemente ridicolo scorretto e inaccettabile