Commenta

In Fiera vertice su prevenzione incidenti e problemi viabilità

polizia_stradale

Si è svolto ieri, nella sala Stradivari alla Fiera, l’incontro della Conferenza provinciale permanente, organismo con cui il prefetto svolge un ruolo di indirizzo e di coordinamento nei confronti di tutte le pubbliche amministrazioni che operano in ambito provinciale. Tema dell’appuntamento, che ha visto interventi di relatori appartenenti a diversi organi istituzionali: “La prevenzione dell’incidentalità stradale e delle criticità connesse alla viabilità, attraverso la gestione del territorio nel contesto della rete interistituzionale”.

Il prefetto Trancredi Bruno di Clarafond, dopo aver introdotto il tema dell’incontro e dopo i saluti del sindaco di Cremona Oreste Perri e del presidente della Provincia Massimiliano Salini, ha ceduto la parola la parola a Emilia Giordano, Viceprefetto Vicario, per la presentazione del convegno e dei relatori.

Patrizia Malabarba, dirigente del Settore manutenzione e viabilità della Provincia, ha illustrato l’andamento negli anni del fenomeno dell’incidentalità stradale. Dalla relazione è emerso che, a fronte di una generale diminuzione degli incidenti, si è registrata una sostanziale stabilità del numero di quelli mortali (43 nel 2009 e 43 nel 2010). Il fenomeno in questione manifesta valori ancora superiori alla media europea anche in ragione del fatto che la rete stradale provinciale, totalmente in pianura e caratterizzata da lunghi rettilinei, favorisce le alte velocità e, quindi, atteggiamenti poco prudenti da parte degli automobilisti.

Il comandante della polizia stradale, Federica Deledda, dopo aver illustrato le tipologie di strumenti atti alla rilevazione della velocità ha richiamato l’attenzione sulla circostanza che i dispositivi di cui è consentito l’impiego devono essere collocali in luoghi e con modalità tali da favorire, soprattutto, un’azione di prevenzione.

L’esperto in materia di segnaletica stradale, Enrico Bonazzoli – presentato dal Bruno Donno (Direttore del Settore Mobilità e Sicurezza Stradale della Regione Lombardia) – ha posto in evidenza soprattutto alcune irregolarità, talora anche gravi, nella predisposizione della segnaletica che possono compromettere in modo significativo la stessa sicurezza stradale.

L’intervento di Beaumont Bortone, Capo di Gabinetto della Prefettura, ha riguardato, in generale, la prevenzione dei rischi in materia di protezione civile e, in particolare, le interrelazioni tra la sicurezza stradale e la sicurezza del territorio intesa come obiettivo per cui tutte le istituzioni, per la parte di rispettiva competenza, sono chiamate a concorrere.

In tale contesto, è stata rimarcata l’esigenza che siano sinergicamente attuati gli interventi di difesa del territorio come quelli mirati alla completa mappatura del reticolo idrico minore, alla manutenzione dei canali e alla realizzazione del “Piano di contenimento della nutria”.

Di seguito, il prefetto, raccogliendo anche gli spunti offerti dagli interventi effettuati dagli amministratori locali, dai dirigenti delle polizie locali e dei settori infrastrutturali e di protezione civile nonché dai rappresentanti delle forze di polizia, ha assicurato ogni utile forma di collaborazione da parte della Prefettura ed ha manifestato vivo compiacimento per le ulteriori forme di sinergica collaborazione, espresse dai presenti in occasione della giornata odierna, per il perseguimento degli interessi della collettività.

Al termine dell’Incontro, il Prefetto, dopo aver ringraziato i relatori, ha invitato i sindaci e i comandanti delle polizie locali a potenziare le attività di vigilanza e controllo in materia di viabilità nei confronti di ogni aspetto della circolazione e di ogni categoria di utenti della strada.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti