9 Commenti

A Papa Benedetto XVI un uovo da 250 chili L'iniziativa della ditta Tosca

uovo-di-pasqua-vaticano

Un uovo di cioccolato fondente di due metri e del peso di 250 chilogrammi con il disegno dello stemma Vaticano è stato regalato nella mattinata di mercoledì 4 aprile al Papa, all’udienza generale in piazza San Pietro, in vista della Pasqua. A realizzarlo la ditta dolciaria cremonese Tosca di Antonio Scopelliti, nota per imprese da ‘guinnes’ dei primati come, ad esempio, un panettone da 1000 chili offerto alla città di Cremona per la notte dell’anno 2000 per festeggiare il nuovo millennio. La ditta cremonese aveva già donato un uovo di Pasqua gigante a Papa Giovanni II.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • giusy

    Bellissimo gesto per il Papa,le nostre radici cristiane….ma direi che il Vaticano è sufficentemente ricco,forse anzi sicuramente qui a Cremona ci sono bambini che faranno fatica ad avere un semplice ovetto di Pasqua.

    • checca.

      Il Papa l’ha gia’destinato a minori con problemi di disagio sociale!

  • H

    e la sorpresa?

    • Francesco Capelletti

      che ‘ndua ghe n’è ghen va!

  • Mi associo alla Sig. Giusy, condivido pienamente ciò che ha scritto!

  • H

    PROBLEMINO “MATEMATICO”:
    Con la vendita di un anello d’oro del papa quante uova di pasqua possiamo comprare?

  • kunta

    SOLUZIONE AL PROBLEMA MATEMATICO
    il solito qualunquismo insulso.
    allora vendiamo anche S. Pietro…anzi cominciamo a vendere il nostro torrazzo e la nostra cattedrale…di più: vendiamo il cappello del vescovo. perchè per voi è così che si risolve la fame, no? vendere i beni della chiesa…
    Mon Dieu, che assurdità tocca leggere…

  • H

    gesu è nato in una grotta (raccontate) non in una cattedrale…
    gesu si vestiva con stracci (raccontate) non con anelli d’oro…

    • checca.

      Gesu non odiava,amava.Gesu non criticava,pregava.Gesu non giudicava,è morto appeso alla croce eretta dalla stupidita’ umana.