4 Commenti

Incidente a Cella Dati Esce di strada e muore 46enne di Cingia de Botti

ambulanza_dietro_automedica

Incidente mortale a Cella Dati lungo la via Giuseppina alle prime luci dell’alba. Intorno alle 6.30 Marco Carletti di 46 anni, residente a Cingia De Botti, a bordo della propria auto in direzione Cremona è uscito fuori strada per cause ancora da accertare. L’autovettura ha subito diversi impatti prima di finire la propria corsa contro il muretto di un ponticello. L’uomo è stato sbalzato fuori. Accorsi 118 e Vigili del Fuoco, insieme alla Polizia Stradale di Casalmaggiore. Per Marco Carletti, però, non c’è stato nulla da fare ed è deceduto sul posto. Trasportato poi alla camera mortuaria dell’Ospedale di Cremona. Nessun altro autoveicolo coinvolto nell’incidente. Per consentire le operazioni di soccorso e far defluire il traffico è stato eseguito un senso unico alternato nel tratto interessato.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • LEGATI

    Due righe di http://www.cremonaoggi.it
    “Incidente mortale. L’autovettura ha subito diversi impatti prima di finire la propria corsa contro il muretto di un ponticello. L’uomo è stato sbalzato fuori.”
    Lui, poveretto, se n’è andato, espulso dall’auto per non aver messo le cinture di sicurezza. Fosse rimasto nell’abitacolo sarebbe ancora vivo.
    Perché i giornali, tutti, non si abituano a scrivere: come succede in formula uno, chi resta nell’auto, sopravvive.

    Cremona 08 04 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

    • marco

      esci di casa ogni tanto invece di commentare ogni cosa e fare polemica…e anche per colpa di gente come te che siamo in questa situazione…parole parole e pochi fatti…

    • Maria

      Carissimo signor Cozzaglio,
      penso che commentare con tono saccente e altero la morte di una persona che Lei non conosceva, sia davvero fuori luogo!
      Questa è solo l’opinione di una ragazza di 21 anni…per il resto, ci penserà chi di dovere, a tempo debito, a giudicare le azioni di ognuno di noi.

      La nipote della vittima.

    • Maria

      Un’ultima cosa:
      giusto per essere puntigliosi e pieni di consigli, vada a rileggersi un pò i libri di grammatica italiana che avrà sfogliato anche Lei alle medie o alle superiori, ammesso che sia diplomato.