Economia
Commenta8

Al Cittanova il manifesto politico di Montezemolo: "Cittadini azionisti dello Stato"

http://www.youtube.com/watch?v=fCQlT1JeI9Q

– Foto Francesco Sessa

Un vero e proprio manifesto politico (“che sarà conosciuto come il manifesto di Cremona”, scherzano dal palco) quello di Luca Cordero di Montezemolo, ospite d’eccezione del convegno dei Giovani Industriali cremonesi. In un Cittanova affollatissimo, il presidente della Ferrari ha esposto con verve la propria “ideona” (come l’ha definita il moderatore giornalista Beppe Severgnini) su come far ripartire il paese. “Lo stato deve fare un passo indietro – ha attaccato Montezemolo – e deve concentrarsi su giustizia, sanità, infrastrutture, scuola, ricerca. Il punto è il rapporto tra politica e cittadini: oggi la politica è troppo lontana, non si rende conto dei reali bisogni del paese. I cittadini devono essere i veri azionisti dello stato. Io voglio sapere dove vanno a finire i soldi delle nostre tasse. Sono felice che per avere di più devo pagare di più, ma prima tu Stato devi fare il tuo dovere: devi tagliare, devi vendere, devi chiudere. Io credo che sia arrivato il momento di chiedere una politica vera, alta e che metta i cittadini al centro”.

Una tavola rotonda, partecipata da Giuseppe Roma, direttore generale Censis, e Marco Fortis, vicepresidente Fondazione Edison, che ha fatto eco all’intervento del Presidente degli Industriali Mauro Caldonazzo e a quello del Presidente dei Giovani Industriali Cristiano Villa. Nelle loro parole richieste per crescita, nuovo sistema fiscale e ‘imprenditorializzazione’ della pubblica amministrazione. “Non stiamo vedendo – ha dichiarato Villa – nessun passo avanti, ma solo uno stallo anacronistico su posizioni ormai superate. Spero che i sindacati scendano in strada per manifestare per una maggiore competitività delle aziende, perché questo significa produzione e produzione significa maggiori posti di lavoro. Gli italiani vogliono ancora un sistema industriale? Io mi auguro che la risposta unanime possa essere sì”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti