28 Commenti

"Danno erariale per migliaia di euro", la Corte dei Conti indaga sul concorso delle 32 assunzioni in Comune Dirigenti e assessori chiamati a rifondere

assessori-avvisi-di-garanzia

Tensione alle stelle tra gli assessori del Comune di Cremona. Dopo la notizia della riduzione forzata dello stipendio del 26%, ecco arrivare un’altra mazzata. La Procura centrale della Corte dei Conti ha aperto una procedura per danno erariale nei confronti del sindaco, degli assessori, del direttore del personale Maurilio Segalini e del segretario generale avvocato Pasquale Criscuolo. La notizia è filtrata oggi dal palazzo comunale ed ha creato parecchia agitazione tra gli assessori: alcuni avrebbero chiesto lumi sulla eventuale copertura assicurativa, anche perché il danno erariale su cui la Corte de’ Conti sta indagando pare sia valutabile in centinaia di migliaia di euro e tutti quanti potrebbero essere chiamati a rispondere. Tutto nasce da un esposto giunto all’organo di controllo sulla corretta gestione delle risorse pubbliche. Il documento fa riferimento al concorso avviato nel 2010 relativo all’assunzione di 32 precari del Comune. Nel mirino ci sarebbe la delibera di giunta del giugno 2010 con la quale venivano assunte trentadue persone in Comune nonostante il patto di stabilità, l’obbligo di ridurre il personale  e i vincoli di legge su tournover (nelle amministrazioni pubbliche, ad esempio, sono ammesse le sostituzioni di persone in quiescenza solo in ragione del 20%: cioè se in comune 10 vanno in pensione, 2 sole vengono assunte). Nell’esposto – che pare sia estremamente dettagliato ed informato – si metterebbero in luce altre presunte irregolarità. Ad esempio viene citato il comma 9 dell’art.14 della legge finanziaria. Orbene il comma 9 recita testualmente: “Il comma 9  sostituisce il comma 7 dell’art. 76 del dl n. 112/2008, per cui per tutti gli  Enti (sia quelli sottoposti che quelli non sottoposti al Patto) nei quali  l’incidenza delle spese di personale è pari o superiore al 40% delle spese correnti opera il divieto di procedere ad assunzioni di personale a qualsiasi  titolo e con qualsivoglia tipologia contrattuale. Per tutti gli Enti, sia quelli sottoposti che quelli non sottoposti al Patto  di stabilità, è introdotta una restrizione sulle assunzioni che possono essere  effettuate nel limite del 20 per cento della spesa corrispondente alle  cessazioni dell’anno precedente. La disposizione del presente comma si applica  a decorrere dal 1° gennaio 2011, con riferimento alle cessazioni verificatesi  nell’anno 2010”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • NO ABC

    Chi sbaglia paga!

    • checca.

      Dio mio!Quanti giudici ha Cremona?Potrebbe servire tutta la Lombardia….

      • sandra

        Sfortunatamente in Lombardia, e altrove, i giudici sono impegnati con le marachelle della Lega ( che non si e’ mai fatta scrupolo di giudicare e condannare chiunque, costruendo la propria base elet
        torale proprio sulla abolizione della presunzione di innocenza: chi rompe le palle fuori dalle palle, no? ).

  • Pierre Robes

    uhm, sarebbe interessante sapere chi ha fatto l’esposto…e io credo proprio di saperlo….chissà perchè.

  • Pierre Robes

    Ad ogni buon conto non dimentichiamoci che questa operazione, comunque la si voglia vedere, ha consentito la stabilizzazione di ben 37 lavoratori, alcuni dei quali erano più di dieci anni che lavoravano in amministrazione.

    • NO ABC

      Il discorso è, in Comune ci sono più di 600 dipendenti, era proprio così necessario assumerne altri 37? Non esistevano nell’organico 37 persone con capacità e qualifiche simili? Non sono troppi 600 dipendenti?

      • Giorgio Salami

        E dàgli.
        A quei 37 è stato cambiato il tipo di contratto: lavoravano già lì.
        Bisogna smettere di parlare di ‘numeri’, ma essere onesti e farsi la domanda giusta: “A QUALI SERVIZI DEVO RINUNCIARE SE DECIDIAMO DI RIDURRE I DIPENDENTI PUBBLICI?”.
        E di seguito: “CHI E QUANTO DOVRÒ PAGARE PER AVERLI, NEL CASO NE ABBIA ASSOLUTAMENTE BISOGNO?”
        “E CON QUALI CONTROLLI?”
        E basta con ‘sta storia dei troppi dipendenyi pubblici: È UNA BUFALA!
        Sono troppi gli evasori e gli imbroglioni, e proprio perché mancano i controlli, che certo non possono essere fatti dai privati.

        • ross

          Giorgio, lavoravano gia’ li’? in quale condizione giuridica? a termine? ed e’ la stessa cosa se diventano a tempo indeterminato ai fini delle spese? E poi piantiamola con la scusa che c’e’ di peggio: evasori, imbroglioni ecc.. perche’ allora sarebbe tutto lecito e, sui controlli, si dovrebbe mettere un poliziotto a tutti gli angoli delle strade.

        • Pierre Robes

          sono d’accordo.

      • Pierre Robes

        Se vuoi garantire servizi, soprattutto di elevata qualità, il personale lo devi avere e con mansioni altamente specializzate. Mi risulta che le persone assunte erano titolari di tali incarichi nelle varie branchie dell’amministrazione. Perchè non parliamo invece del concorso elettorale che la precedente amministrazione aveva a suo tempo bandito prima delle elezioni per l’assunzione dei famosi 24 vigili che dopo sei mesi dall’assunzione i 2/3 se ne sono andati…..casualità o fatto voluto?

      • franco

        MAMMA MIA QUANTI!!!!!

  • liana

    Voglio vedere Perri se anche stavolta correra’ da Criscuolo per chiedergli di trovare qualche cavillo per uscirne fuori.

  • sandra

    Perri e’ campione del mondo di buona volonta’ ed e’ uomo leale e in buona fede. Purtroppo x fare il sindaco queste virtu’ non bastano. Cosi’ come non e’ detto che chi picchia i pugni sul tavolo abbia sempre ragione. Bisogna sapersi scegliere i collaboratori giusti e non lasciare che siano gli altri a sceglierli. E bisogna far tesoro dei loro errori e non fidarsi ad occhi chiusi della loro competenza, specialmente dopo che erano gia’ incorsi in gravi errori.
    Ovviamente questo e’ un siluro, di quelli intelligenti, di ultima generazione, lanciato da un sottomarino che ha sempre tenuto Perri sotto tiro.
    Altrettanto ovviamente questo e’ un siluro letale.
    E mo’ ?

    • spartaco

      e mo’ , ragione vuole che si leggano gli atti, che si ascoltino tutte le campane, che la giustizia contabile faccia il suo corso (e il suo ricorso), e che alla fine, se verranno accertate responsabilità ad li là di ogni dubbio, qualcuno sia chiamato a pagare i danni.
      e mo’ basta con i tribunali mossi un tanto al chilo

      • spartaco

        e ‘sta storia del virgolettato nel titolo: Cremonaoggi ha già in mano gli atti della Corte?
        l’articolo, poi, pieno di “avrebbero”, “pare”, “potrebbero” … vero giornalismo anglosassone…

      • sandra

        ” e mo?” non e’ un giudizio ma un’ espressione gergale che esprime un senso di curiosita’ e di attesa.
        D’ altra parte ai giorni nostri cio’ che fa politica non e’ l’esito del processo, ma il processo. Giusto o sbagliato che sia.
        Quindi, ammesso che l’ esposto ci sia e che l’ indagine si apra, l’ unica domanda plausibile e’ : e mo?

  • Pasquino

    ” Ignorantia legis non excusat ” si dice così ? E poi scusate davvero non basta andare in Comune ( come in tanti altri uffici pubblici ) e guardarsi intorno ? Si doveva per forza assumere malgrado i vincoli ???? Ci sono persone impegnate e volenterose competenti e attive ma tante altre che non sanno come passare il tempo e messe lì per i loro santi in paradiso e anche con stipendi elevati . Sbaglio ? Qualunquismo ? Forse ma fate un giretto gente e vedrete che c’è da farsi girare…..E poi tornando al problema comunque la legge va rispettata e gli assessori se non conoscono le leggi visto che sono stipendiati ne paghino le conseguenze e di persona NON L’ASSICURAZIONE !!!!! ( anche quella pagata con i soldi dei contribuenti ) ; sarebbe troppo comodo far coprire anche gli ” errori ” voluti

  • NO ABC

    Vergognoso il quotidiano degli agricoli che tace su questa notizia! Meglio non informare i lettori di indagini in atto e non far sapere che l’uomo di Piva si è messo in un bel pasticcio.
    Paura di andare a casa???

    • ftw

      come ho già scritto, quelli della libera considerano cremona il loro piccolo feudo. tutto ciò che decide il loro presidente è legge e solo perchè possiedono un giornale del quale dire che è fatto con il culo è un complimento. e ve ne dico un’altra…. sapete su cosa si basa il potere di piva? sui pensionati coltivatori diretti che alle elezioni della libera votano come ogni altro socio. il fatto è che costoro votano sempre come gli viene ordinato di fare dagli uffici del patronato enapa! ciò significa che a cremona comandano i patronati enapa della libera. sono costoro che hanno permesso il cambio al vertice tra maestroni e piva, dopo che quest’ultimo si è conquistato il loro favore. lascio alla vostra fantasia immaginare come ciò sia potuto accadere!

  • ERA UNA NOTTE BUIA E TEMPESTOSA

    Al medagliere di Perri mancava solo questa, farsi inquisire per aver messo in ruolo 37 precari infilati in Comune dalla sinistra!
    E naturalmente, dalle prime notizie apparse su http://www.cremonaoggi.it, né Corte dei Conti, né Procura della Repubblica perderanno tempo a indagare con quale procedura i 37 fossero diventati precari!
    A meno che, leggendo le determine delle collaborazioni esterne indispensabili perché nessuno dei 700 (settecento) dipendenti è capace, e lo conferma il silenzio del capo della Rsu, Giorgio Salami, venga loro l’idea di controllare se almeno qualcuno dei 37 sia in grado di far altro che spostare una cartella o dare una timbrata….
    Ho dato una scorsa all’albo pretorio on line e vengono i brividi. Prendo una determina a caso, ma son tutte eguali:
    “il Comune di Cremona intende procedere con l’affidamento di incarico professionale per il coordinamento tecnico-operativo ai progetti ed iniziative di promozione turistica della città….risulta necessario, per la loro natura e complessità, e per l’alta specializzazione che richiedono (dio mio, n.d.r.), il supporto di un esperto esterno etc…..competenze specialistiche non disponibili all’interno degli uffici etc etc”
    Non faccio commenti, o gli impiegati sono davvero mediocri, o l’esperto esterno ha una grandezza da abbagliarli, anche se il compito affidato non sembra di quelli proibitivi…
    Ma c’è qualcosa di strano. L’esperto di sopra è un illustre sconosciuto, eppure viene pagato molto di più del maestro Andrea Mosconi, studioso di livello internazionale, per un altro incarico professionale, di eguale durata!
    Credo sia un terreno minato, per chi voglia avventurarsi, ricorderete quel che ho scritto, e portato in Procura, sui 626,81 euro pagati a Zanolli per una chiacchierata al Salone Bontà.
    L’ultima? Il decreto di nomina al CremonaFiere di Pietro Mondini, 90 (novanta) anni portati bene, scelto fra tanti papabili cremonesi non perché amico dell’immenso Piva Antonio, presidente di quasi tutto, ma perché, a differenza degli altri papabili, possiede “qualificata esperienza e competenza desumibili, in particolare, dagli studi compiuti, dall’attività imprenditoriale svolta, dagli incarichi ricoperti, dai riconoscimenti conseguiti e dalla precedente specifica esperienza maturata”.
    A Palazzo gira la voce che Oreste starebbe per chiedere un’aspettativa in vista delle Olimpiadi di Londra, considerate la sua esperienza e competenza, e del resto la canoista Josefa Idem ha pochi anni meno di lui.
    Presa a caso dal recente passato, determina 1156 del 22 06 2011, contributo a fondo perduto di 30mila euro a Publia srl, per la rassegna Le Corde dell’Anima. Publia, è noto, fa parte del gruppo della Libera. A quanti altri organizzatori di cultura vengono regalati 30mila euro?
    Non ho un animo da contabile così forte da spulciare completamente l’albo pretorio, ma su troppe decisioni, amici della destra, è chiaro che si vola per prendere accordi diretti, saltando la politica: a questo punto ha senso andare a votare? Perdonatemi la battuta, sapete come la penso perché lo scrivo, se voto Perri per far prendere le decisioni a Piva, la prossima volta voto Torchio o Pizzetti, che almeno trattano anche coi colleghi di partito! Non sono la mia parte ma fanno politica….
    Andando avanti così nei due anni che mancano al voto, prenderemo una legnata spaventosa. Vale la pena continuare, e mi rivolgo specialmente ai nove consiglieri che l’ultima estate hanno posto a Oreste un durissimo aut aut?

    Cremona 19 04 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • sandra

    Apprendo da Cozzaglio, con orrore e sgomento, del contributo a fondo perduto di trentamila euro a Publia srl.
    Tra le mie letture non ho mai annoverato, sbagliando, l’ albo pretorio del Comune di Cremona.
    D’ ora in avanti non ne perdero’ una riga. Forse capiro’ meglio come funziona il nostro comune.

    • ftw

      guardate che non è la prima volta che comune e provincia pagano publia per avere attenzione e riguardo da parte del giornale la provincia. tanto e vero che quando salini si è rifiutato di pagare l’obolo all’inizio del suo mandato, su la provincia han cominciato a scrivere peste e corna del neo-presidente.

  • marcello

    SI E’ SEMPRE PRONTI A CRITICARE IL LAVORO DI ALTRE PERSONE, FORSE PER INVIDIA, RABBIA E RIVALITA’.
    FORSE E’ GIUNTO IL MOMENTO DI CAMBIARE….
    IN QUESTO MOMENTO CI SONO ALCUNE FAMIGLIE CHE SOFFRONO E NON VEDONO CON SERENITA’ IL PROPRIO FUTURO LAVORATIVO IN COMUNE.
    CONOSCO PERSONE PREPARATE, CHE SVOLGONO BENE IL PROPRIO LAVORO E NON SONO CERTO RACCOMANDATE…E SENZA STIPENDI D’ORO….
    QUINDI VI CHIEDO UN FRATERNO RISPETTO!!!!
    I PROBLEMI NON SI AFFRONTANO CON STERILI CRITICHE….
    GRAZIE

  • Achille

    Ma a fronte dei 37 precari stabilizzati… annoveriamo per esempio un dipendente della Provincia di Cremona, che è passato in Comune? assunto con un concorso ad Hoc … o quello è il 38 esimo ?… giusto per capirci ! …

  • PIPI’ SENZA SCONTRINO

    Giornale rispettoso. Alla mezzanotte di ieri, 30 (trenta) ore dopo che gli altri on line di città ne avevano dato ampia notizia, wwwcremonaonline, il braccio svelto della Provincia, ignorava ancora l’ultima tegola sulla testa dell’amico del padrone, il sindaco Oreste Perri: “la Procura centrale della Corte dei Conti ha aperto una procedura per danno erariale nei confronti del sindaco, degli assessori etc, nel mirino ci sarebbe la delibera di Giunta del giugno 2010 con la quale venivano assunte trentadue persone in Comune nonostante il patto di stabilità, l’obbligo di ridurre il personale e i vincoli di legge sul turnover.” Così http://www.cremonaoggi.it.
    Silenzio come il fratello maggiore in carta, la Provincia del 19.
    In prima linea invece la notizia più urgente: “la protesta della pipì senza scontrino. Davvero curiosa la vicenda che ha visto protagonisti gli studenti della scuola media Diotti di Casalmaggiore che, in visita a Verona, si sono lamentati direttamente con il sindaco Flavio Tosi (della Lega, si fa senza dirlo, n.d.r.) per la mancata erogazione dello scontrino in un servizio pubblico.”
    Qualcuno ogni tanto mi accusa di avercela col direttore responsabile, Zanolli Vittoriano. Ammetto: sono prevenuto. Non mi fermo ai nomi, non me la prendo perché tutti abbiamo un amico, o almeno un amico dell’amico etc.
    Mi stizzisce il goffo ridicolo: che senso ha tentare di nascondere una notizia già pubblicata dalla concorrenza?
    L’Ordine dei giornalisti, sempre pronto ad alzare la cresta per questioni di immagine, non ha nulla da eccepire su comportamenti del genere, tutt’altro che infrequenti?

    Cremona 20 04 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • PRONTO INTERVENTO

    Al giornale La Provincia non se ne fanno scappare una. Il 18 04 http://www.cremonaoggi.it e il Vascello fanno il loro dovere di cronisti della città di Cremona, pubblicando un servizio sull’indagine della Procura della Corte dei Conti, sull’assunzione dei 32 precari del Comune.
    La Provincia, diretta da Zanolli Vittoriano, vuol mantenere la sua fama di giornale completo e preciso, quindi, prima di sfarfalleggiare con notizie non certificate, diffidando giustamente della fretta dei due on line, compie le dovute indagini. Che portano, ma solo il 22 aprile, in 16ma pagina, alla quasi medesima conclusione. C’è un’indagine, vero, 32 precari assunti, vero, un concorso, beh, però non arrestatevi alla definizione classica e obsoleta di concorso, con tanti iscritti con le medesime possibilità, per pochi posti…..

    Cremona 24 04 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • francesca

    32 LAVORATORI.
    32 FAMIGLIE ….!!!!!! MA ABBIATE PIETA’!
    32 PERSONE CHE LAVORAVANO IN COMUNE DA OTTO A 12 ANNI IN CONTRATTO .
    CHI HA PRESENTATO L’ESPOSTO POSSIAMO IMMAGINARE CHI E’ E DOVE E’ STATO MANDATO .
    QUINDI 32 FAMIGLIE IN MEZZO ALLA STRADA ROVINATE DA UN PAZZO CHE SI SOGNA IL PATTO DI STABILITA’ DEL 2009 E FORSE BISOGNAVA PENSARE CHE ERA GIA’ I PROGRAMMA CON LA GIUNTA CORADA PRIMA DEL 2009.
    NON SONO LAZZARONI CHI LAVORA IN COMUNE E CRDETEMI NON HANNO STIPENDI DA SOGNO.
    UN IMPIEGATO PERCEPISCI 1200 EURO NON HA LA 14^ ESIMA E FORSE ORA NON HA NEMMENO PIU’ UN POSTO FISSO.
    MA PERCHE’ QUESTA RABBIA E QUESTO ACCANIMENTO.
    GUARDATE E INFORMATEVI CHI SONO QUESTE 32 PERSONE E CHE MANSIONI SVOLGONE.
    VERGOGNATEVI !!!!!!!!!!

  • Gioele

    Se la Corte dei Conti è intervenuta per procurato danno erariale ci sarà un perché! Spiace ma la legge è uguale per tutti.