Cronaca
Commenta10

Il flop del parcheggio sotterraneo Costato 9 milioni e mezzo di euro pieno (ma non esaurito) solo il mercoledì e il sabato

Sopra il parcheggio di piazza Marconi (foto Francesco Sessa)

Quanto è usato il parcheggio sotterraneo di piazza Marconi? Perché stenta ad essere utilizzato? Perché in giornate normali la saturazione è al massimo di una settantina di auto? Tutte domande che il cittadino si pone dopo aver avuto nove anni di disagi in pieno centro (con negozi che hanno chiuso, case si sono svalutate) e una spesa che per il Comune di Cremona è stata di 9 milioni e mezzo di euro. Il parcheggio è troppo caro con i suoi due euro l’ora? E’ difficile da raggiungere? La segnaletica non va? Tutte domande che gli amministratori dovrebbero porsi vista la situazione non certo esaltante della fruizione del parcheggio sotterraneo. Purtroppo non ci sono dati statistici scientifici che possano dare risposte plausibili in quanto nessuna indagine approfondita al riguardo è mai stata fatta: da chi è usato il parcheggio, dai visitatori occasionali, dai cremonesi di periferia, da chi entra per lavoro? “Costa troppo” è stata la risposta che abbiano ottenuto dagli uffici. Ma c’è un altro dato che inquieta: sapete qual era la saturazione del vecchio parcheggio di piazza Marconi? Il 55%, quindi quasi la stessa percentuale dell’autosilo ma con quasi il doppio di auto presenti sulla piazza e senza i costi proibitivi del parcheggio Saba.

Nel mese di dicembre, ultimo dato disponibile in Comune sulla occupazione del parking sotterraneo, il totale è stato di 3.356 auto, un numero non certo esaltante tenendo conto della particolarità del mese e dell’animazione messa in atto dal Comune e dalle associazioni di categoria. E le punte si hanno il mercoledì, giorno di mercato (il più alto dato in assoluto anche se non si arriva mai all’esaurito dei 150 posti) e il sabato pure caratterizzato dalle bancarelle. Un altro elemento preoccupante è il basso numero degli abbonati con una saturazione giornaliera di venti-venticinque posti auto.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti