Cronaca
Commenta27

Il Comune deve trovare 15 milioni di euro La sfida è tagliare: consulenze, cooperative, vigilanza, pulizie Incognita Imu seconda casa e Irpef

“L’Imu sulla prima casa resterà allo 0,4%, quella sulla seconda è ancora un punto interrogativo. Dipenderà dai tagli che riusciremo a fare”. E l’addizionale Irpef ? “L’aumento può essere uno strumento estremo, non abbiamo scelte, e volendo tenere ferme le tariffe a domanda individuale e le imposte (Tarsu, Tosap, ecc.), dobbiamo solo tagliare”. Come al solito non usa mezze parole l’assessore al Bilancio del Comune Roberto Nolli nel descrivere una situazione pressoché disastrosa sui conti del Comune per il 2012. E’ stata una settimana di fuoco, lunedì pomeriggio proseguiranno gli incontri con tecnici e assessori. La tensione è alle stelle. Ci sono 9 milioni di euro di disavanzo certi: tagli dei conferimenti per 5 milioni e 100mila euro, un aumento dei costi da inflazione di oltre tre milioni di euro e un aumento di spese sociali per contrastare la crisi. A questi nove milioni vanno aggiunti altri sei milioni e 400 mila euro bloccati per il patto di stabilità che non è stato minimamente modificato dal Governo, come conferma una lettera ai Comuni dello scorso 27 aprile. “Non ci sono alternative – prosegue Nolli – Ritardo i pagamenti, vendo i beni comunali, aumento le entrate (Imu e Irpef) o taglio. Noi pensiamo prima di tutto di procedere con i tagli. Oggi il Comune ha costi per 71 milioni di euro, ne abbiamo tagliati 3 rispetto all’anno precedente. Dobbiamo proseguire. Ai miei uffici e agli assessori ho detto: preparate il budget a costo zero, poi vedremo cosa è davvero indispensabile e cosa si può sfrondare”. L’ottimizzazione della spesa, secondo Nolli, deve coinvolgere tutta la macchina comunale e deve essere recepita da tutti, dipendenti e amministratori. “Non è certo colpa di questa amministrazione, la situazione in cui ci veniamo a trovare – aggiunge – Mi rivolgo pertanto anche all’opposizione, perchè collabori e ci indichi le sue priorità. Nessuno sfugga alle sue responsabilità”. La Lega, pur ringraziando, avrebbe già detto di no,  riservandosi di intervenire solo in sede di commissione per emendamenti o altro. Per ora nessuna risposta da Pd e Idv che in settimana valuteranno il da farsi.
Tagliare si può e si deve, secondo Nolli. Ma dove? Sappiamo che le idee di tagli su cui in Comune stanno lavorando sono: le pulizie, i servizi affidati alle cooperative, la vigilanza, le consulenze, i costi del Comune per i servizi esterni (le mense, ad esempio).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti