Commenta

Consegnata a Ilaria Giani la borsa di studio intitolata a Paola D'Avella

borsa-di-studio-davella

La studentessa Ilaria Giani ha ricevuto dal sindaco Oreste Perri la borsa di studio intitolata a Paola D’Avella. La consegna è avvenuta nel corso di una breve ma partecipata cerimonia tenutasi questa mattina nella Sala Giunta di Palazzo Comunale alla quale sono intervenuti, oltre ai familiari della vincitrice, i componenti della commissione preposta alla selezione delle candidature pervenute per questo premio: Ivana Iotta, direttore del Settore Affari Culturali e Museali  del Comune (presidente della commissione), Marisa Bellini D’Avella, istitutrice della borsa di studio, Francesca Diletta Poli, presidente del Soroptimist International Association di Cremona, Maria Luisa Corsi, Maria Carmela Torrisi, Maria Teresa Gazzina Bertoletti, docente al Liceo Scientifico di Crema. Erano inoltre presenti l’assessore alla Cultura Irene Nicoletta De Bona e l’assessore alle Politiche Educative Jane Alquati.

Il sindaco, nel consegnare questo riconoscimento dedicato proprio ad una studentessa, non ha potuto fare a meno di ricordare il grave lutto che ha colpito il Paese a seguito della bomba che, all’Istituto Falcone-Morvillo di Brindisi, ha stroncato la giovane vita di una ragazza, provocando numerosi feriti. Una tragedia, ha dichiarato Oreste Perri, che sconcerta e sgomenta, ma che deve anche fare riflettere tutti quanti: colpire una scuola infatti significa colpire il futuro dei nostri ragazzi in una situazione di pesante crisi economica e sociale.

La famiglia D’Avella ha istituito, tramite l’Amministrazione Comunale, una borsa di studio annuale di € 2.500,00 dedicata a Paola D’Avella, studentessa universitaria tragicamente scomparsa in un incidente d’auto alla vigilia della laurea in lingue e letterature straniere.

Questo riconoscimento, giunta alla sesta edizione, è destinato a studentesse universitarie delle lauree magistrali o iscritte agli anni successivi al primo del corso di laurea in medicina e chirurgia, che svolgano opere di volontariato o impegno socialmente utile, residenti a Cremona e provincia, che si trovano in precarie condizioni economiche, per aiutarle nella prosecuzione degli studi. La partecipazione delle aspiranti a opere di volontariato o comunque di impegno socialmente utile è un requisito fondamentale, inserito nel bando per espresso desiderio della signora Marisa Bellini D’Avella, la cui figlia era molto impegnata ed attiva nell’ambito del volontariato sociale.

Il premio è stato assegnato a Ilaria Giani in quanto, come ha avuto modo di stabilire la commissione, è una ragazza con un curriculum di studi di alto livello e particolarmente attiva nel campo del volontariato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti