Commenta

Castelponzone adesso ha bandiera e certificato: è tra i borghi più belli d'Italia

castelleone borghi d'italia

Castelponzone adesso ha anche il vessillo e la certificazione: è tra i 208 “Borghi più belli d’Italia”. Un risultato straordinario ottenuto grazie alla bellezza del borgo e alla sua valorizzazione portata avanti con caparbietà e ostinazione dal sindaco Gianmario Magni e dall’assessore alla cultura Velleda Rivaroli. E poi il lavoro di Giuseppe Torchio, presidente del Gal Oglio-Po, che condotto con tenacia il progetto senza mai abbassare la guardia. Il gemello cremonese di Castelponzone è Soncino, l’altro “borgo più bello” della nostra provincia. Ma qui vicino c’è anche Sabbioneta (già premiata anche dall’Unesco) o Castell’Arquato nel piacentino. “Siamo pronti a fare la nostra parte – ha detto dal palco il sindaco Magni – La soddisfazione per il riconoscimento è enorme ma adesso ci aspetta un grande lavoro. Essere entrati in questo club esclusivo non è un traguardo ma un punto di partenza. L’organizzazione ci ha già dato alcune prescrizioni e noi dovremo seguirle e concretizzarle entro l’anno. E ne trarrà giovamento tutto il territorio”. Oltre a Magni, a Torchio e a Velleda Rivaroli, sono intervenuti l’assessore al Turismo della Provincia di Cremona Federico Lena, il coordinatore lombardo dei Borghi più belli Pierachille Lanfranchi ed il presidente del Club dei Borghi Fiorello Primi. La cerimonia è stata preceduta dalla sfilata e dallo spettacolo in piazza degli sbandieratori di Isola Dovarese.

Con i suoi portici, con i suoi strettini, con il museo dei cordai, con i suoi camini, i suoi portoni e la sua bella parrocchiale, Castelponzone ce l’ha fatta. Domenica 27 maggio,  dalle 16 alle 19, visite guidate gratuite al Borgo e degustazione dei prodotti tipici locali presso l’Azienda Agricola Cerati. Il ritrovo per le visite (partenza ogni ora) è presso la “Porta Sud” del Borgo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti